Porto Recanati, identificato il 20enne ambulante annegato. Alloggiava all’Hotel House

Il corpo del ragazzo senegalese era stato recuperato intorno alle 12,30 di oggi (4 settembre) dopo essere stato travolto da un'onda mentre stava attraversando il Musone. Risiedeva stabilmente a Milano e si trasferiva nel condominio multietnico in estate

PORTO RECANATI – È stato identificato l’ambulante 20enne annegato questa mattina (4 settembre) a Porto Recanati dopo essere stato travolto da un’onda mentre stava attraversando la foce del Fiume Musone nell’area dove si depositano i sedimenti che creano alcuni ponticelli naturali. Il ragazzo, regolare sul territorio italiano, viveva stabilmente a Milano, ma in estate si spostava all’Hotel House dove alloggiava all’interno del condominio multietnico forse presso alcuni conoscenti o forse nel mercato degli affitti illeciti.

Hotel House
Hotel House

Il giovane è stato spazzato via dal fiume in piena per le abbondanti piogge di questi giorni e la risacca del mare ha restituito il corpo con ancora indosso le borse.

Alle operazioni di soccorso avevano partecipato l’Ufficio Marittimo della Capitaneria di Porto di Numana e di Porto Recanati, i carabinieri di Porto Recanati e quelli di Numana. Il cadavere è stato trasferito all’obitorio di Torrette dove resta a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.