Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Polverigi, i nonni “Festarini” donano 1000 euro alla scuola dell’infanzia

Gli anziani della parrocchia hanno raccolto le offerte durante le feste donando dolci e pane. La donazione sarà impiegata per l’acquisto di materiali utili alla didattica

La donazione dei Festarini alla scuola dell'infanzia di Polverigi

POLVERIGI – Non c’è niente da fare. I nonni trovano sempre il modo di rendere felici i bambini, anche quando non sono i loro nipoti, perché come i nonni non c’è nessuno. Lo hanno dimostrato con un bellissimo gesto di solidarietà gli anziani che fanno parte del gruppo “I Festarini” della parrocchia di Polverigi.

I Festarini sono i custodi di usanze, tradizioni e riti che costituiscono l’identità del paese. Notevole il loro impegno durante le festività, per tener vive queste tradizioni preparando dolci o gadget poi donati alla collettività, che premia l’impegno dei nonnini con delle donazioni. Denaro che ovviamente non tengono per sé, ma lo devolvono alle associazioni e realtà del territorio. Durante la festa di Sant’Antonio i nonni hanno preparato pane e maritozzi, ricevendo delle offerte. Sono riusciti a racimolare la somma di 1000 euro, che hanno donato alla Scuola dell’infanzia “C.Lesti” di via Dante Alighieri a Polverigi, gestita dalla cooperativa Opera Pia Coniugi Lesti. Un gesto commovente, specie di questi tempi, in cui il Covid e la pandemia ci hanno chiuso in una serrata individualità.

«I Festarini hanno donato 1000 euro alla scuola dell’infanzia – fanno sapere le insegnanti sulla pagina social del paese -; il loro è un piccolo gruzzoletto che donano quest’anno alla scuola dell’infanzia con l’intento di aiutare proprio il semino che cresce e che sarà il nuovo germoglio della nostra comunità, con l’augurio che crescano nella serenità e nella ricchezza morale che contraddistingue il gesto di oggi. Un piccolo gesto per un grande aiuto».

La donazione sarà impiegata per l’acquisto di materiali utili alla didattica o per le necessità dei bambini. Ai Festarini il plauso della collettività per questo splendido esempio e l’auspicio che, al di là della somma donata, questi gesti si moltiplichino verso tutte le realtà sociali del territorio.