Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, più fondi per Natale e manutenzioni grazie agli utili delle partecipate

Il Consiglio comunale ha votato la variazione di assestamento e salvaguardia degli equilibri generali di bilancio 2018/2020. Il valore complessivo della manovra è di un milione e 473mila euro

Il Consiglio comunale a Palazzo degli Anziani

ANCONA- Più fondi per il Natale e per le manutenzioni grazie agli utili di alcuni partecipate come AnconAmbiente e Mobilità & Parcheggi. Ieri (31 luglio) il Consiglio comunale ha votato la variazione di assestamento e salvaguardia degli equilibri generali di bilancio 2018/2020. Il valore complessivo della manovra è di un milione e 473mila euro in larga parte dovuta ad aggiustamenti contabili e in parte determinata da maggiori esigenze di spesa, con la necessità di nuove modalità di copertura.

«Per le spese sociali ci sono 183mila euro che trovano copertura nell’applicazione dell’avanzo; abbiamo invece accantonato 600mila euro di possibili spese per provvedimenti giudiziali con potenziali effetti nel 2018» spiega l’assessore al Bilancio, Ida Simonella.

Le spese correnti vedono trecento mila euro in più per le manutenzioni in particolare per le scuole (100.000), fossi e bonifiche (70.000), piccoli interventi su strade (50.000), impianti sportivi (50.000) e telecamere (32.000).

«Ci sono poi 150mila euro di maggiori spese effettive per alcuni eventi di grande ricaduta economica e commerciale per la città quindi 50mila euro in più per il cartellone Natale, 50mila euro per il Festival Oltremole e ulteriori risorse per Chocomarche- riferisce l’assessore-. Come si hanno le coperture di queste maggiori spese? In parte attraverso i risparmi che vengono effettuati: ad esempio abbiamo risparmiato 153mila euro di interessi sui mutui a tasso variabile. In parte attraverso maggiori entrate derivanti dagli utili delle società partecipate: 300mila euro da AnconAmbiente e 100mila euro da Mobilità&Parcheggi».

Sul bilancio pesano però le perdite delle partecipate come ad esempio Aerdorica, di cui il Comune di Ancona detiene lo 0,40% delle quote. Questa partecipazione nel capitale sociale incide per ben 86mila euro sul bilancio.

«Abbiamo tentato di mettere in vendita le nostre quote ma l’operazione non è andata a buon fine. Le perdite di Aerdorica essendo molto elevate ci obbligano ad accantonare un fondo di 86mila euro. Ciò significa avere meno risorse per i cittadini».

«Passano gli anni, passano le consiliature ma ancora l’amministrazione comunale non ha compreso che c’è bisogno di investire di più sul rilancio strutturale del turismo, grande potenziale leva economica per la nostra città- commenta il gruppo consiliare della Lega-. C’è bisogno di investire di più sulla Polizia Locale per migliorare le condizioni di lavoro degli agenti e la sicurezza dei cittadini. Stesso discorso per le Politiche giovanili. A fronte di queste mancanze le spese e gli sprechi che vengono invece realizzati per il funzionamento della macchina comunale risultano inaccettabilmente eccessivo».