Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Pesaro, Villa Marina all’asta: 9 milioni per due blocchi

L'Inps ha pubblicato i dettagli. Due strutture per 14 mila metri quadri complessivi. Non finirà all'asta Pesaro Studi. A metà settembre la possibile aggiudicazione

PESARO – Che sia la volta buona? Torna all’asta Villa Marina, il complesso architettonico, ex Postelegrafonici, in viale Trieste a Pesaro, di proprietà Inps.

Dopo tre bandi andati deserti, il prezzo dell’ex colonia rimasta aperta fino al 2003, è calato notevolmente e il 18 settembre ci sarà una nuova tornata d’asta, divisa in due blocchi.

L’area ex Pesaro Studi non è finita a bando, anche perché il presidente Inps Tito Boeri aveva parlato di una possibilità di convertire edifici dismessi in case di riposo per anziani.

Villa Marina

Il blocco che comprende la colonia, la scuola, il convitto e la piscina oltre ai servizi balneari è stato valutato 6,5 milioni di euro. Si parla di un’area di 12.542 metri quadri.

Poi l’area dei complessi sportivi, fabbricati e locali con fini di lucro la cui gestione era fallita. La base d’asta è di 2,6 milioni di euro per 1.690 metri quadri. 

A marzo l’ultima asta era andata deserta nonostante alcune manifestazioni di interesse, ma erano troppi i 16 milioni di euro richiesti per un immobile da recuperare.

Oggi l’edificio versa in condizioni estetiche precarie, tanto che sono stati messi dei teli per coprirne il degrado, in base all’ordinanza comunale sul decoro urbano. In passato il Comune aveva multato la proprietà di 100 euro proprio per lo stato di degrado in cui versava.

Villa Marina, area sportiva

A inizio estate i teli erano quasi tutti strappati, dando ancor di più un’immagine di degrado dell’edificio, soprattutto per i turisti e i bagnanti. Ora i teli sono stati riposizionati, ma si attende qualche investitore interessato all’immobile. La sua ristrutturazione, come da Piano Regolatore, sarà vincolata con il cambio di destinazione d’uso: residenza (30%); e attività terziarie, servizi ed attrezzature (70%). Un futuro ancora incerto, ma fondamentale per la definizione di questa parte di viale Trieste e per un contenitore così importante in città.