Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Pesaro, torna l’Università, in arrivo un corso di laurea dalla Politecnica di Ancona

La Giunta ha approvato una convenzione per attivare un corso di laurea in Sistemi industriali e dell’informazione dal prossimo anno

La presentazione del corso di Laurea

PESARO –  Torna l’Università a Pesaro, trovato l’accordo con Ancona. «Approvata in giunta la convenzione con l’Università Politecnica delle Marche per un corso di laurea in Sistemi industriali e dell’informazione. In settimana si riuniranno gli organismi dell’Università. Speriamo vada tutto bene. Nei prossimi giorni, insieme a Francesca Frenquellucci (consigliera M5s delegata all’Università), saremo più precisi. Intanto, grazie alla grande disponibilità del rettore Gian Luca Gregori e alla collaborazione dell’assessore Delle Noci, si sta concretizzando un grande risultato per la città». Lo rende noto il sindaco Matteo Ricci.

In un primo momento si era parlato di un corso universitario in “Tecnico per l’ingegneria dei sistemi tecnologici” della facoltà di Ingegneria. Un corso triennale, con l’ultimo anno da svolgere nelle aziende pesaresi. Ma in ogni caso Ingegneria sbarcherebbe a Pesaro.

La sede: l’Olivieri nell’immediato e parte del San Domenico in prospettiva. Con una idea di fondo: gli studenti in centro è l’ipotesi migliore, anche a livello di indotto. Del resto Urbino in questi giorni ha stimato l’indotto universitario in 100 milioni l’anno.

«L’Università – si legge nel testo della Politecnica – si impegna, previa approvazione da parte degli organi competenti e previo accreditamento da parte del Miur, ad attivare dall’anno accademico 2020/2021 il corso di laurea, organizzando l’attività didattica con il proprio personale docente di ruolo o a contratto e con altri apporti di docenza».

Un’operazione nata da qualche mese su suggerimento del gruppo consigliare pentastellato e che aveva generato non poche polemiche in minoranza.

Inoltre, è stato aperto un dialogo anche con l’università di Urbino. Del resto c’era stato anche un incontro con il rettore di Urbino Vilberto Stocchi.