Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Pesaro, «Scienze infermieristiche all’ex-Ime non sarà abbattuta»

Il consigliere regionale Pd Andrea Biancani assicura: «Non sarà una soluzione temporanea, è una struttura confinante con futuro ospedale unico a Muraglia»

Andrea Biancani

PESARO – I dubbi legati alla struttura dell’ex-Ime destinata a Scienze Infermieristiche, vengono rimandati al mittente dal consigliere regionale Andrea Biancani. Con il progetto dell’ospedale unico a Muraglia, l’opposizione aveva fatto notare che, sia in commissione urbanistica che in consiglio comunale, si era sottolineato che tutti gli edifici saranno abbattuti eccetto la camera mortuaria ed ematologia. Cosa che lascerebbe dei dubbi circa l’investimento da un milione di euro sulla struttura appena inaugurata.

«A un anno dalla scelta di destinare l’ex-Ime al corso universitario, realizzati progetto, lavori e allestimento, l’immobile offre 1200 mq di spazi interni e 800 all’aperto – spiega il consigliere regionale Pd Andrea Biancani – tornerà a vivere diventando un polo formativo di eccellenza per i futuri infermieri e per tutto il personale socio-sanitario. In questi giorni è stato dichiarato che aver scelto questa struttura è uno spreco di denaro, in quanto verrà abbattuta per realizzare il nuovo ospedale. Non sarà assolutamente così, perché l’area interessata dal cantiere del nuovo ospedale provinciale non comprende i locali appena inaugurati, sarà confinante».

L’immobile, che ospiterà anche il Servizio “Qualità, accreditamento e formazione” di Marche Nord, dispone di una superficie di 1200 metri quadrati e di spazi esterni per altri 800 mq. Grazie a un progetto di riqualificazione sul quale la Regione ha investito oltre 900mila euro, sono state realizzate aule didattiche e spazi per le esercitazioni pratiche.

Ex-ime

«È una sede molto bella e funzionale, fortemente voluta dall’amministrazione regionale. Non sono soldi spesi per una soluzione temporanea, è un investimento nel lungo periodo che ci consente di recuperare un immobile di nostra proprietà, evitando di pagare l’affitto».

«A meno di un anno dalla scelta di destinare questa struttura al corso di laurea in infermieristica, soluzione che il presidente Ceriscioli ha fin da subito condiviso e sostenuto – conclude Biancani -, sono stati realizzati il progetto, i lavori e l’allestimento, garantendo la partenza delle lezioni già da questo anno accademico. Un doveroso ringraziamento, oltre al Presidente Ceriscioli, va alla Direzione Marche Nord e a tutti coloro, personale tecnico, dipendenti e non solo, che hanno lavorato per ottenere questo risultato».