Pesaro, iniziate le operazioni di smontaggio della torre panoramica. Presto la ruota

La ditta è al lavoro in piazzale della Libertà con i camion. Ma il sindaco rilancia: «È stato un successo, pensiamo alla collocazione di un'altra attrazione»

Fasi di smontaggio della torre panoramica
Fasi di smontaggio della torre panoramica

PESARO – Iniziate le operazioni di smontaggio della torre panoramica. Sono arrivati i camion della società The Wheel che provvederanno entro il 20 settembre alla rimozione della torre. Hanno iniziato a lavorare in piazzale della Libertà transennando il cantiere e asportando già le prime parti della struttura.
La data doveva essere quella del 30 settembre, ma Comune e azienda hanno optato per questi giorni visto che ci sono altri eventi nelle prossime settimane nella zona della Sfera di Pomodoro e l’attrazione dovrà spostarsi in un altro Comune.

Alcuni passanti curiosi si sono fermati a vedere le operazioni di smontaggio e si sono lasciati andare ad alcuni commenti: «Per fortuna la tolgono, non mi piaceva», e ancora: «Non è stato certo un bel modo per attrarre turisti». Ma anche persone più favorevoli: «Rendeva il luogo più vivo, ci ho visto davvero tante persone salire».

Fasi di smontaggio della torre panoramica

Sull’operazione torre panoramica il sindaco Matteo Ricci commenta in maniera positiva e pensa alla ruota panoramica: «Grande successo. Tantissimi turisti e residenti del territorio hanno potuto ammirare la bellezza di Pesaro dall’alto, come mai si era potuto fare prima. Grazie a Massimo De Carlo (amministratore unico di The Wheel, ndr) che ha scelto di investire qui con un’attrazione unica in Italia». Rilancio immediato: «Continueremo a insistere sull’appeal della città con novità continue», annuncia il sindaco. Se intanto «si ragiona sulla possibilità di installare una ruota panoramica, ma non in zona Palla di Pomodoro, perché non ci sta», già venerdì prossimo «presenteremo la flotta di monopattini elettrici in affitto, con modalità simili a Mobike. I monopattini rafforzeranno ulteriormente la mobilità sostenibile e saranno un’innovazione per pesaresi e turisti», conclude Ricci.