Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Pesaro, ospedale a Muraglia: ok in consiglio, ora tocca alla Regione. L’opposizione insorge

La variante è stata approvata con 19 voti favorevoli e 11 contrari. Nobili del Pd: «Serve una grande struttura per la sanità». Lega contraria: «Sarà nelle mani dei privati». M5s: «Rischio idrogeologico»

PESARO – Ospedale unico a Muraglia, via libera definitivo dal consiglio comunale, ora la palla passa alla Regione. Ma l’opposizione insorge.

È stata inoltre approvata la variante al Prg relativa all’area di Muraglia con 19 voti favorevoli e 11 contrari.

«Siamo al passaggio conclusivo – ha detto l’assessore all’Urbanistica Andrea Nobili -, non ci sono state osservazioni da parte della Provincia, rimarco l’opportunità. Non riusciremo a convincere tutti ma la discussione indubbiamente c’è stata. Perché la sanità funzioni dobbiamo avere una grande struttura».

La Provincia aveva sollevato alcuni dubbi, pur approvando la modifica al piano regolatore.

«Il luogo e il metodo di finanziamento non sono adeguati, il project financing è un affare per i privati, – ha sottolineato la consigliera Francesca Frenquellucci (Movimento 5 Stelle) – diciamo sempre di costruire sul costruito e non abbiamo ancora capito cosa verrà costruito, ci sono perplessità sul discorso idro-geologico, occorre pensarci bene prima di votare per l’ultima volta, abbiamo anche raccolto firme, parliamo dei contenitori ma ci sono problemi nella sanità».

Michele Gambini del Pd ha aggiunto di aver incontrato cittadini preoccupati per l’impatto della struttura. «Devono essere capiti perché l’intervento per viabilità e dal punto di vista paesaggistico è pesante».

I consiglieri della Lega Biagiotti, Totaro, Andreolli, Dallasta, Marchionni

A gamba tesa la Lega coi consiglieri Dallasta, Andreolli, Totaro, Marchionni e Biagiotti. «La scelta di Ricci e del Pd pesarese di approvare questo tipo di progetto per il nuovo ospedale a Muraglia è contro gli interessi dei cittadini. Aver detto sì a questo progetto significa condividere e sposare il progetto della sanità voluto da Ceriscioli e dal Pd regionale che in questi anni ha raccolto solo insuccessi e ha fatto crescere l’insoddisfazione dei cittadini. Aver detto sì a questo progetto significa condividere la modalità di finanziamento  del “project financing”, ossia mettere la sanità pubblica nelle mani dei privati che finanzieranno il progetto per poi gestire i servizi.  Aver detto sì a questo progetto significa condividere l’idea di costruire un ospedale senza certezze sui finanziamenti per le opere di viabilità e di collegamento da Fano che ad oggi sono assenti. È irresponsabile pensare che l’unica strada di collegamento da Fano sarà l’Ardizio».

I consiglieri chiudono: «Siamo e saremo sempre contrari a questo progetto e riteniamo profondamente sbagliata questa scelta “scellerata” compiuta dal sindaco Ricci e dal Pd pesarese che, con questo voto, hanno definitivamente approvato una variante urbanistica che consentirà a Muraglia la costruzione di 1.000.000 di metri cubi».