Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Pesaro, il garage dello sballo: 3 kg di eroina per un affare da 200mila euro

Dopo il sequestro di armi in un garage, una nuova perquisizione dei carabinieri in un box attiguo. All'interno un polo di smercio di stupefacenti

PESARO – Un garage che sembra essere il punto di stoccaggio di eroina. Droga a fiumi per un giro di affari da 200mila euro.

È questa la stima dei carabinieri di Cattolica che hanno continuato a portare avanti le indagini dopo l’arresto di una donna, originaria di Forlì, 55 anni, residente a Saludecio (Rn), nullafacente, pregiudicata, per i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi modificate.

Nel pomeriggio di mercoledì (27 novembre), su delega dell’Autorità giudiziaria, i carabinieri cattolichini hanno eseguito una nuova perquisizione. L’attività investigativa dei militari, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pesaro, ha portato alla scoperta di un nuovo garage in via Mancini, a Pesaro, adibito questa volta a deposito della droga.

Si tratta di un box a pochi metri di distanza da quello in cui erano stati precedentemente rinvenuti lo stupefacente e le armi, nel medesimo contesto residenziale nel pesarese. Questa volta, però, la scoperta dei militari ha portato alla luce una vera e propria industria dello sballo.

Sollevata la saracinesca, i carabinieri hanno rinvenuto una pressa, bilancini di precisione e materiale vario per confezionare le dosi in “panetti”, per lo spaccio in grossi quantitativi. Inoltre sono state rinvenuti, all’interno di una cassaforte, più di 3 kg di eroina, circa 300 grammi di cocaina e 6 flaconi di metadone.

L’operazione dei carabinieri ha così fatto luce su un giro d’affari che si aggirava attorno ai 200.000 euro circa ed è il segno dell’incessante sforzo profuso dai militari dell’Arma nel contrasto allo spaccio di morte.