Pesaro, la marijuana tra i cespugli del Miralfiore, il cane non fallisce

Trovati sessanta grammi di stupefacente per un valore di 700 euro. I controlli proseguiranno nei prossimi giorni per ripulire il parco

I controlli della Polizia tra la stazione e il Miralfiore

PESARO – Un ramo spezzato, una cartaccia per indicare ai pusher che quello è il posto dove hanno nascosto la droga. Basta scavare ed ecco l’involucro con le dosi pronte per essere smerciate al parco Miralfiore. Ancora controlli della polizia, l’obiettivo della Prefettura è ripulire il parco che è la piazza di spaccio più attiva in città. Non c’è blitz in cui non venga ritrovata droga.
E anche lunedì sera è stato così. Gli uomini della Questura di Pesaro accompagnati dall’unità cinofila e dal reparto prevenzione e crimine, hanno fatto centro.

Ma soprattutto il fiuto del cane Tar è una garanzia. Tra gli arbusti ha trovato un involucro. All’interno c’erano una sessantina di grammi di marijuana, che può fruttare circa 700 euro agli spacciatori.

I pusher ormai sono soliti nascondere la droga per evitare di essere beccati con lo stupefacente addosso rischiando quindi denunce o arresti. La marijuana è stata quindi sequestrata dalla Polizia. Gli agenti hanno proseguito il controllo in tutto il parco identificando diverse persone, tutte in regola col permesso di soggiorno per quanto riguarda gli stranieri.

Controlli anche alla stazione del treno e nella zona del parco del monumento alla resistenza, anche questo luogo di spaccio, bivacchi e consumo di sostanze. I controlli proseguiranno ancora nei prossimi giorni come voluto dal Prefetto. Sono giorni caldi in cui non sono mancate denunce e arresti.