Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Pesaro, calcio in lutto: è mancato Angelo Becchetti. Se ne va un pezzo di storia della Vis e dell’Alma Fano

Il mister si era seduto sulla panchina biancorossa per ben 199 volte. Ricci: «Un personaggio stimato e amato da tutta la comunità sportiva pesarese»

Angelo Becchetti (crediti foto Radio Incontro Pesaro)
Angelo Becchetti (crediti foto Radio Incontro Pesaro)

PESARO – Grave lutto nel mondo del calcio pesarese: è mancato all’età di 92 anni Angelo Becchetti, storico allenatore biancorosso per sei stagioni, tra gli anni ’60, ’70 e ’80. Il mister si era seduto sulla panchina biancorossa per ben 199 volte (record di presenze), diventando di fatto un vero e proprio pezzo della storia calcistica della società locale e sfiorando anche la serie B.

Becchetti è mancato nella mattinata del 21 gennaio al reparto di Medicina del San Salvatore di Pesaro dove era ricoverato da circa una settimana. Aveva compiuto 92 anni lo scorso novembre. Commozione da parte della Vis che lo ha celebrato ricordando le ultime chiacchierate telefoniche: «Lo avevamo sentito e ricordato per il suo compleanno. ‘Sono un grande ammiratore di questa città e della Vis Pesaro, la mia squadra del cuore è ancora oggi la Vis Pesaro’, ci aveva detto al telefono. Proprio il suo amore l’aveva portato a trasferirsi a Pesaro, nonostante fosse nato a Roma nel 1928. Presenza allo stadio, aneddoti e curiosità, dialoghi con allenatori e amicizie con diversi giocatori e dirigenti. Angelo Becchetti era una di quelle figure più importanti nel panorama calcistico pesarese, un vero e proprio cuore biancorosso. Oggi se ne va un pezzo di storia. La Vis Pesaro 1898 fa le condoglianze a tutta la sua famiglia, mandando loro un affettuoso abbraccio. Che la Vis Pesaro sia sempre con te, Angelo Becchetti».

Il nome di Becchetti si è legato nel corso della sua lunga carriera a tanti club dove ha svolto il ruolo di tecnico o osservatore tra cui le giovanili della Roma, il Cosenza, il Rimini in Serie B (inizialmente in coppia con Helenio Herrera, e poi in solitaria, conducendo la squadra alla salvezza), la Vis Pesaro, l’Ancona ma anche il Fano nella stagione 1970/71 e nel 1997/98, guidando la squadra in Serie C2 ed ottenendo un 13º posto finale in classifica.

Anche il sindaco Ricci lo ha voluto ricordare: «Tutta l’Amministrazione si stringe alla famiglia di Angelo Becchetti per la sua scomparsa. Un personaggio stimato e amato da tutta la comunità sportiva pesarese e dall’intera città, per la sua competenza, amore e forte legame alla Vis Pesaro. Ancora oggi era considerato il mister per eccellenza». Di origine romana, “Sor”Angelo Becchetti «era ammirato e ben voluto da questa, che era diventata la sua città. Alla famiglia e alle persone a lui vicine, le mie più sentite condoglianze».