Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Pesaro, asta deserta per l’ex carcere minorile. Aggiudicata l’ex farmacia Zongo

Il bando del Comune prevedeva la messa in vendita di una serie di immobili e terreni. L'ex convento di Santa Maria degli Angeli resta però senza futuro. In via Branca, invece, ci sarà nuova vita

PESARO – Niente da fare per l’ex carcere minorile. Nell’asta pubblica in Comune per una serie di beni immobili, l’ex convento di Santa Maria degli Angeli non è stato assegnato. Nessuna offerta rispetto alla richiesta di 675mila euro. Forse troppo alta, visti gli imponenti lavori che necessita la struttura.

Difficile ora capire quale potrà essere il futuro del contenitore che si trova di fianco al Centro per l’Impiego. Una nuova asta a prezzo ribassato?

Quello che è certo è che quell’immobile avrebbe scatenato un effetto domino positivo. Esiste già un accordo di programma tra Provincia di Pesaro e Urbino e Comune di Pesaro, comproprietari dell’immobile in via Luca della Robbia. La Provincia ha una quota del 56,84% e il Comune una quota del 43,16%. L’accordo prevede che la Provincia trasferisca la propria quota di proprietà dell’ex carcere minorile al Comune di Pesaro (valore stimato della quota 383.670 euro), destinando l’80% del ricavato (307mila euro) alla realizzazione di lavori urgenti di messa in sicurezza, sistemazione e miglioramento delle strade provinciali di collegamento o che insistono sul territorio di Pesaro, vale a dire la Sp 30 “Ginestreto” (50mila euro), Sp 32 “Pesaro/Mombaroccio” (47mila euro), Sp 38 “Borgo Santa Maria/Tavullia + Sp 131 “Tre Ponti” (90mila euro), Sp 44 “Panoramica San Bartolo” (70mila euro), Sp 45 “Carignano” + Sp 60 “Candelara” + Sp 145 “Blilla” (50mila euro).

Non solo, i proventi della vendita sarebbero serviti a riqualificare piazzale 1° Maggio.

Ma qualcosa si è mosso perché l’ex farmacia Zongo, in via Branca, è stata aggiudicata a 352.101 euro rialzando la base di 290 mila euro. Qui potrà essere realizzato un negozio o un esercizio pubblico.

Gli altri lotti in vendita erano un’area edificabile in località Chiusa di Ginestreto (base d’asta 1.293.750 euro), un fabbricato in via Bonini, (285.000 euro), un terreno edificabile nella zona del mercato ortofrutticolo in via Lombardia (1.902.285 euro), un terreno edificabile con sovrastante il rudere in Strada Condotti, (210.937,50 euro), un immobile in via XI Febbraio (160.000 euro). Tutte aste andate deserte.