Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Operazione “Terra sicura”: in manette un 48enne fidardense

Massimiliano Chiapponi residente a Castelfidardo è stato arrestato dai Carabinieri di Osimo in flagranza di reato mentre cercava di rubare un'automobile

OSIMO – Si è concluso questa mattina un vasto intervento dei Carabinieri della Compagnia di Osimo a tutela del patrimonio nel territorio della Valmusone. L’operazione, denominata “Terra sicura”, ha impiegato circa 20 militari e 10 mezzi di sostegno articolandosi in diversi comuni della Provincia di Ancona. A Castelfidardo i militari del Capitano Raffaele Conforti hanno arrestato in flagranza di reato per tentato furto aggravato con violenza sulle cose il pluripregiudicato Massimiliano Chiapponi.

L’uomo nato ad Ancona nel 1969 ma residente a Castelfidardo è stato sorpreso in via Crucianelli mentre tentava di rubare un Ford Fiesta. All’arrivo dei militari il malvivente ha tentato di fuggire a bordo di una bicicletta ma è stato subito raggiunto e ammanettato. Chiapponi è stato quindi condotto in caserma per i rilievi fotosegnaletici e dattilocopici mentre di quanto accaduto veniva informato il Sostituto procuratore di turno Dott. Daniele Paci della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona che ha disposto la custodia domiciliare.

A mezzogiorno di oggi è stato convalidato l’arresto del pluripregiudicato e su richiesta dei termini a difesa dell’avvocato di parte, l’udienza è stata rinviata al prossimo 10 maggio disponendo, fino ad allora, gli arresti domiciliari. Sempre nel corso della stessa operazione le forze dell’ordine hanno fermato, a Filottrano, un pakistano incensurato di 23 anni alla guida di una Opel Zafira.

Il giovane è stato sottoposto ai test tossicologici risultando positivo all’assunzione di sostanze stupefacenti quali cocaina e oppiacei. Al termine degli accertamenti il 23 enne è stato deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona per guida in stato di alterazione psicofisica in seguito all’uso di sostanze stupefacenti con conseguente ritiro della patente e confisca del veicolo.

Infine, nell’ambito di alcuni controlli effettuati a Portorecanati, i Carabinieri del Nucleo radiomobile di Osimo hanno deferito in Stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Macerata, per violazione alla misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio per tre anni dal Comune di Portorecanati, un 50 enne pregiudicato nato ad Ancona ma residente a Polverigi. L’uomo è stato sorpreso in località Scossicci violando così il provvedimento emesso dal Questore di Macerata