Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Osimo, non si ferma all’alt dei poliziotti: inseguito per due chilometri e denunciato

L'uomo nascondeva un grosso pugnale e un passamontagna, guidava con la patente revocata ed era in possesso di un piccolo quantitativo di hashish. Indagini ancora in corso

Gli agenti di Osimo con il materiale sequestrato
Gli agenti di Osimo con il materiale sequestrato

OSIMO – Nell’ambito dei servizi di prevenzione dei reati in genere, con particolare attenzione al fenomeno dei furti e dello spaccio di sostanze stupefacenti, messi in campo dalla Polizia di Stato negli ultimi giorni, nella giornata di ieri, 8 marzo, gli uomini del Commissariato di pubblica sicurezza di Osimo hanno proceduto a denunciare un uomo di 40 anni residente ad Osimo, F.A., già noto alle forze dell’ordine per i suoi trascorsi, per porto abusivo di armi e oggetti atti ad offendere.

Una pattuglia in servizio di controllo del territorio, attorno alle 8.30, in località Casenuove di Osimo, ha intimato l’alt al conducente di un furgone che, poco prima, aveva compiuto delle manovre azzardate alla vista della polizia. L’uomo alla guida, ha superato il posto di controllo proseguendo la marcia in direzione Jesi. A quel punto gli uomini del Commissariato si sono immediatamente posti al suo inseguimento riuscendo a bloccare il mezzo dopo due chilometri di tallonamento. Il motivo della fuga, si è scoperto subito dopo, era causato dal fatto che l’uomo nascondeva un grosso pugnale, della lunghezza complessiva di oltre 20 centimetri, e un passamontagna tipo “mefisto” di colore nero dentro il furgone, di cui non riusciva a giustificare il porto ai poliziotti.

In più l’uomo stava guidando il veicolo senza la patente di guida, revocata dalla Prefettura di Ancona, e nascondeva anche una piccola quantità di hashish, per il possesso della quale verrà segnalato alla stessa Prefettura. Oltre alla denuncia in stato di libertà per il possesso delle armi, l’uomo è stato multato con un verbale di cinquemila euro per la guida con patente revocata e il mezzo è stato posto sotto sequestro. Gli agenti del Commissariato sono all’opera per approfondire le indagini e comprendere se l’uomo sia coinvolto nei recenti episodi di furto avvenuti nel territorio osimano, motivo per il quale, come annunciato, il nuovo dirigente del Commissariato Giuseppe Todaro, secondo le direttive del Questore di Ancona, ha aumentato i servizi di controllo su strada.