Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Oltre due mila sardine invadono piazza del Papa: «Basta con la politica dell’odio»

“Le Marche n’se Lega” è lo slogan del flash mob che ha visto la partecipazione di giovani e adulti provenienti da tutte la regione. Presente anche Lorenzo Donnoli, uno dei promotori emiliani del movimento

ANCONA – Oltre due mila sardine hanno invaso piazza del Papa spinte dalla voglia di cambiamento. “Le Marche n’se Lega” è lo slogan del flash mob che ha visto la partecipazione di giovani e adulti provenienti da tutte la regione. Presente anche Lorenzo Donnoli, uno dei promotori emiliani del movimento.

T-shirt con scritte e cartelli a forma di sardina, alcuni anche luminosi, per dire basta alla politica dell’odio. E poi le canzoni: da “Com’è profondo il mare” di Lucio Dalla, all’Inno di Mameli, a “La libertà” di Giorgio Gaber e, ovviamente, “Bella ciao”.

«Siamo contro l’omofobia, il razzismo, il fascismo, le politiche estreme. Siamo qui per ribadire i valori della Repubblica e della Società civile» ha dichiarato Donnoli.

Giorgio Mattiuzzo, uno degli organizzatori della manifestazione marchigiana delle sardine, ha invece ricordato «i fatti gravi avvenuti nelle Marche. L’aggressione omofoba in una discoteca di Pesaro, l’aggressione verbale ad una donna di colore su un autobus ad Ancona solo perché non capiva la lingua e poi la cena fascista ad Acquasanta Terme».

«Vedere una pizza così gremita di persone fa capire che ci siamo stancati. Il segnale che stiamo dando è forte – afferma Elisabetta Colantonio, co-organizzatrice Sardine Marche -. Ci hanno riempito di parole d’odio. Vogliamo un’Italia che non metta muri ma che costruisca ponti».

«Vogliamo essere una spinta propulsiva per i partiti, vogliamo che ci ascoltino e che portino avanti le nostre istanze. Le persone hanno voglia di buona politica ma sono disgustate dal clima d’odio che si è creato» riferisce una “sardina”.

Le sardine “luminose”

Tra gli interventi anche pensieri per le popolazioni terremotate. Il movimento delle Sardine partito da Bologna poche settimane fa, dopo le manifestazioni di Pesaro e Ascoli Piceno, è arrivato anche ad Ancona, nello stesso giorno della visita nel capoluogo della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni in vista delle elezioni regionali del 2020.

«Siamo più di chi fomenta l’odio – ha detto Donnoli-. Avevamo voglia di essere qui mentre un pezzo di Ancona assisteva alle pagliacciate della destra della Meloni. Lei rappresenta le bugie, cavalca le difficoltà dei cittadini». Le Sardine hanno invitato tutti a partecipare alla grande manifestazione che si terrà il 14 dicembre a Roma. Tra i presenti al flash mob anche il capogruppo del Pd Ancona, Michele Fanesi e il consigliere comunale Francesco Rubini di Altra Idea di Città.

Piazza del Papa gremita