Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Offagna, boom di visitatori alla rocca nell’emergenza Covid

La pandemia ha spinto tanti italiani a visitare le bellezze locali. La Rocca offagnese ha attratto tanti turisti, soprattutto dal Nord Italia: ben 160 in un giorno solo

OFFAGNA – Il Covid ha spinto tanti italiani a visitare le bellezze locali, quelle in cui la passeggiata tranquilla è preferibile e Offagna in questi giorni difficili di ripresa ne ha certamente beneficiato. «Dalla riapertura della Rocca a inizio luglio, dopo i lavori di adeguamento all’impianto elettrico da parte del Comune, stiamo riscuotendo tanto entusiasmo da parte dei turisti. 160 ne sono arrivati in un solo giorno e questo ci dà nuovi stimoli per promuovere il borgo e i suoi tre musei», conferma Agnese Cariddi del Polo museale offagnese. La maggior parte proveniva da fuori regione, dal Nord Italia.

La quattrocentesca rocca infatti, dopo i lavori di manutenzione dell’impianto, ha riaperto i battenti e il museo al suo interno può tornare a essere visitato, oltre a godere di uno splendido paesaggio che riporta all’epoca medievale dall’alto del torrione. Quello della Rocca è aperto questa estate tutti i giorni sia la mattina che pomeriggio mentre il museo della Liberazione e il “Paolucci” di scienze naturali il sabato e la domenica per tutto il giorno.
Orari potenziati considerati anche i piccoli gruppi che possono accedervi per prestare attenzione alle norme anti Covid.
Con le feste medievali depotenziate, il Comune ha inventato pacchetti ad hoc per la rocca. Il 10 e 24 agosto “Visite alla Rocca” con un gruppo di massimo 20 persone (diviso in due nei saloni del museo delle Armi antiche), seguite da degustazioni di vini alle cantine Malacari e Vigna della Cava. Prenotazione obbligatoria con appuntamento al via alle 17.

Altra novità il martedì alle 20.30 “Cene alla Rocca” (18 e 25 agosto, 1 e 8 settembre) con tanto di suonatrice d’arpa.
Tornano poi gli “Aperitivi alla Rocca”, che già l’anno scorso avevano ottenuto un bel successo: tutti i giovedì alle 19 fino al 10 settembre, al termine di una visita guidata per massimo 40 persone.