Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Nuovo look per l’ascensore del Passetto

Al via i lavori di ristrutturazione e restyling dell'ascensore del Passetto. Il costo è di 2 milioni di euro e l'intervento sarà completato a giugno

ANCONA – Sono iniziati i lavori di ristrutturazione dell’ascensore del Passetto, inaugurato nel 1956. Addio all’attuale colore celeste. La torre, alta circa 46 metri, verrà tinteggiata di bianco e illuminata con dispositivi a led. Il vecchio ascensore sarà sostituito da uno nuovo, in cui aumenterà la superficie vetrata e i passeggeri potranno godere una suggestiva vista panoramica lato mare.

L’intervento, su progetto redatto dallo studio di architettura Roccheggiani-Battistelli e dall’ingegnere Mondini, si articola su due livelli. Il primo riguarda la parte edilizia (strutturale- architettonica) e il secondo, a cura dell’ ingegner Serpilli, la parte meccanica-impiantistica. «Due appalti separati, con copertura finanziaria rispettivamente pari a 1milione e 230mila euro  e 770mila euro – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Paolo Manarini – che dovranno procedere contemporaneamente per rendere funzionante l’ascensore entro la prima decade di giugno». Il lavoro iniziale consisterà nella demolizione delle parti ammalorate, dopodiché si procederà con la ristrutturazione e l’ammodernamento della  torre e con la sostituzione dell’ascensore.

L’assessore Paolo Manarini, tra i primi atti del suo insediamento alla fine del 2016,  si è attivato per dare avvio alle procedure di gara, affinché l’opera, inserita nel piano triennale delle Opere Pubbliche, potesse essere ultimata per l’inizio della stagione estiva. «Quello che dagli anni Cinquanta è un simbolo per la città – sottolinea l’assessore – continuerà a essere al servizio dei cittadini e dei turisti che scenderanno in spiaggia e ad essere un elemento architettonico che identifica il capoluogo. Con la sua nuova veste, l’edificio si candida a diventare sempre più cartolina di una città che intende crescere nell’accoglienza verso il turismo internazionale».