Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Le scuole si sfidano al Fashion Game

Oltre 70 studenti della provincia in lizza per il concorso di moda della Confartigianato. Gli abiti realizzati sfileranno in passerella. Coinvolte le classi quarte e quinte delle scuole secondarie di II grado ad indirizzo moda della Provincia di Ancona ITAS Angelini di Ancona, Ipsia di Osimo, di Senigallia, di Fabriano e di Jesi

ANCONA – Dal bozzetto alla passerella. Più di 70 studenti si sfidano al “Fashion Game” concorso promosso dalla Confartigianato Imprese Ancona – Pesaro e Urbino.

Coinvolte le classi quarte e quinte delle scuole secondarie di II grado ad indirizzo moda della Provincia di Ancona ITAS Angelini di Ancona, Ipsia di Osimo, di Senigallia, di Fabriano e di Jesi. Una iniziativa che ha la finalità di incoraggiare la creatività e la fantasia degli alunni mediante la progettazione e la realizzazione di un abito ispirato al tema assegnato: “Black & White”.

Già una trentina i capi ideati che saranno indossati nella sfilata finale, in cui saranno decretati i vincitori da una commissione composta da aziende del settore che valuterà tutte le proposte ed assegnerà fino ad un massimo di tre premi in tirocini in impresa, abbonamenti a riviste di settore, strumenti tecnologici.

Gli studenti sono affiancati in questo percorso dagli imprenditori Luca Corinaldesi del Ricamificio Filottranese, Fabio Da Pojan di Marker srl di Trecastelli, Sartoria Rossini Raffaella di Ancona, Paola Zenobi di Confezioni Zeno di Filottrano.

I professionisti della moda hanno incontrato gli alunni nelle scuole e li hanno assistiti nei diversi step, dalla progettazione alla lavorazione, visionando bozzetti e proposte, prestando indicazioni e consigli, in alcuni casi anche ospitando gli studenti nei propri laboratori in visita aziendale e per supporto alle fasi di assemblaggio dei pezzi di tessuto e di realizzazione del capo. Per gli alunni incontrare e poter porre domande a chi è pratico del mestiere è un’attività ampiamente formativa perché li mette a contatto con l’applicazione fattiva della disciplina.