Terremoto, due nuove scosse di magnitudo 3.0 nel maceratese

La prima alle 20,30 con epicentro in mare a 19 km da Civitanova Marche, l'altra alle 21,35 a 2 km da Muccia, nel cratere. Il sisma che ha colpito l'entroterra è stato avvertito dalla popolazione delle zone vicine

La scossa al largo di Civitanova Marche

MACERATA – Torna a tremare la terra nelle Marche. Due nuove scosse di terremoto sono state registrate nella serata di ieri, 18 maggio, nel maceratese. La prima, di magnitudo 3.0 si è verificata alle 20,30 con epicentro in mare al largo di Civitanova Marche ad una distanza di 19 km dalla costa e alla profondità di 8 km.

La scossa a Muccia

L’altra ha colpito un’ora dopo Muccia, il piccolo comune maceratese del cratere già martoriato dal sisma del 2016. La scossa, di magnitudo 3.0, si è verificata alle 21,35 con epicentro a 2 km da Muccia e ad una profondità di 8 km. Il sisma è stato avvertito dalla popolazione nell’area vicina all’epicentro. Entrambe le scosse sono state localizzate dalla Sala Sismica Ingv di Roma.

Dopo una mezz’ora la terra ha tremato anche in altra area ferita dal sisma del 2016. Una scossa di magnitudo 2.0 ha colpito Costacciaro, il piccolo comune umbro nell’area del Parco Regionale del Monte Cucco, a 14 km da Fabriano.