Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Macerata, nuove regole per bar e ristoranti all’aperto. «Alle 21.30 stop alle somministrazioni»

Lo ha deciso il Comune per permettere di rispettare il coprifuoco. Previste agevolazioni per chi vuole allargare la sua attività su spazi esterni

Macerata, piazza della Libertà

MACERATA – Mezz’ora di sosta gratuita anche in piazza Mazzini, che si va così ad aggiungere a corso Cavour e corso Cairoli. Confermata l’apertura della Ztl e un’ora di parcheggio gratuito (con disco orario) in piazza della Libertà e in piazza Vittorio Veneto. Tutte queste misure sono valide fino al 30 giugno. A questi interventi, confermati per favorire l’accesso alle principali vie del commercio di Macerata, si affianca una serie di misure per agevolare i commercianti, non solo baristi e ristoratori, ad aprire su spazi esterni.

Sono due le linee di intervento a cui ha lavorato l’amministrazione per agevolare la ripartenza del commercio e della ristorazione dal 26 aprile quando le Marche torneranno in zona gialla. Per quanto riguarda il rispetto del coprifuoco, confermato alle 22, il Comune impone ai concessionari di «cessare almeno 30 minuti prima della chiusura dell’attività (quindi alle 21.30) la somministrazione di alimenti e bevande nell’area pubblica oggetto di occupazione».

Confermate, invece, le regole per gli spazi che erano già state adottate lo scorso anno dopo il primo lockdown: per cui chi possiede già un’autorizzazione per l’occupazione di suolo pubblico può chiedere di occupare fino a un massimo del 20% in più della superficie attualmente autorizzata e, comunque, non oltre 25 metri quadri aggiuntivi esclusivamente su aree pedonali, Ztl o marciapiedi. Per chi, invece, vuole chiedere la prima autorizzazione per occupare spazi esterni lo spazio massimo previsto è di 25 metri quadri. Tutti i materiali utilizzati per i dehors devono essere facilmente removibili e, chi non avesse spazio esterno davanti alla propria attività, può chiedere anche di occupare una zona vicina al proprio locale. Per chiedere di occupare spazi esterni, basterà inviare una Pec a comune.macerata.attivitaproduttive@legalmail.it, utilizzando l’apposito modello reperibile nel sito del Comune.

Passando alla sosta, invece, viene prorogata fino al 30 giugno la mezz’ora gratuita in corso Cavour e corso Cairoli e per la prima ora in piazza della Libertà. «Visto il perdurare dell’emergenza sanitaria e le inevitabili difficoltà che si trovano ad affrontare i commercianti abbiamo deciso di prorogare le misure che avevamo adottato relative alla Ztl, alla sosta in corso Cavour e corso Cairoli e in piazza Vittorio Veneto – spiega l’assessore maceratese Laura Laviano -. Abbiamo deciso di ampliare la sosta gratuita di 30 minuti anche in piazza Mazzini non solo per gli esercizi commerciali, ma anche per dare modo ai tanti genitori che portano i figli alla Scuola di musica civica “Stefano Scodanibbio” di avere un tempo congruo per la sosta».

I cittadini, quindi, per quanto riguarda corso Cairoli e corso Cavour possono avvalersi di un’iniziale sosta breve gratuita di 30 minuti – non prorogabili – con l’obbligo di esposizione del disco orario e l’applicazione, decorso tale periodo, della tariffa ordinaria di 1.20 euro. Stesse modalità verranno adottate anche in piazza Mazzini. Dopo la prima ora gratuita in piazza Vittorio Veneto, invece, verrà applicata la tariffa oraria di un euro.