Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

A Macerata Hazzard, contro il gioco d’azzardo patologico

"L'abilità contro la fortuna" è lo slogan del progetto di prevenzione e contrasto al gioco d'azzardo. La città, nel corso dell'ultimo anno, ha favorito una mobilitazione di massa e un'intensa sensibilizzazione. La psicologa Ludovica Cesari ha condotto il lavoro nelle scuole: «I ragazzi hanno capito cosa significa giocare insieme in modo sano»

MACERATA – Piazza della Libertà libera dal gioco d’azzardo patologico: questa l’atmosfera che si respira a Macerata nella giornata conclusiva del progetto Hazzard, mercoledì 24 luglio.
Si tratta della campagna di prevenzione frutto della collaborazione tra la Cooperativa Sociale Pars Onlus come ente capofila, insieme a Asur Area Vasta 3, Cooss Marche, Cooperativa Sociale Berta 80 e Ambito Sociale 14, finanziata dalla Regione.

Una vera e propria azione a tappeto di contrasto al gioco d’azzardo, oggi parificato alle altre dipendenze patologiche. Circa 1000 gli studenti coinvolti delle scuole primarie e secondarie della provincia di Macerata, insieme ad associazioni culturali per bambini ed anziani.

Come ha ricordato l’assessore Mario Iesari, Macerata ha fatto molto contro il gioco d’azzardo: «È uno dei pochi comuni in Italia che hanno emanato un’ordinanza sindacale per ridurre di 10 ore l’orario di apertura di sale-slot. È stato un importante contributo a questa lotta. I risultati hanno confermato la validità dell’intervento».

Hazzard è inserito in un progetto ancora più ampio: Build the future, che ha portato il tema delle dipendenze in scuole primarie e secondarie, facendo riflettere bambini e adolescenti su cause e conseguenze del fenomeno.
Ne ha parlato Ludovica Cesari, psicologa coordinatrice del progetto: «I ragazzi delle scuole, di 12 e 13 anni, hanno creato giochi fatti a mano e condotto interviste. Ma soprattutto si sono sperimentati nel gioco, capendo la differenza tra sano e patologico. Chi gioca d’azzardo prova vergogna e si isola dagli altri».

Tutti i giochi realizzati dalle classi sono stati messi a disposizione di passanti e curiosi, in modo totalmente gratuito, dando la possibilità di vincere un gadget. Oltre a un aperitivo gratuito, anche gli spettacoli di giocoleria e il trucca-bimbi della Compagnia della Zandella, esibitasi anche al Festival celtico di Montelago. Come slogan di questo format di prevenzione “l’abilità contro il colpo di fortuna“. La serata ludica, iniziata alle 19, è culminata alle 21 con lo spettacolo di magia di Andrea Paris, da Italian’s Got Talent. Il performer ha dimostrato come sia semplice ingannare la mente, ad esempio attraverso trucchi di prestigio.

© riproduzione riservata