Lutto nel mondo del cinema italiano per la scomparsa dell’attore Venantino Venantini

I funerali si svolgeranno a Roma, città nella quale risiedeva da tantissimi anni, anche se ogni tanto riusciva a tornare a Fabriano, sua città natale. Le esequie saranno celebrate il 12 ottobre alle 14:30 nella chiesa Sacri Cuori di Maria e Gesù nella Capitale

Venantino Venantini

FABRIANO – Lutto nel mondo del cinema italiano per la scomparsa dell’attore Venantino Venantini nato a Fabriano 88 anni fa. Nel corso della sua carriera ha lavorato in oltre 150 film. L’esordio, quasi come una comparsa, risale al Un giorno in pretura di Steno, commedia del 1953 interpretato tra gli altri da Peppino De Filippo, Silvana Pampanini, Alberto Sordi e Walter Chiari.

Venantini, che si trovava in ospedale per le conseguenze di un intervento al femore, ha maggiore spazio nel film Odissea nuda con la regia di Franco Rossi, dove interpreta la sua prima parte. Da allora è stato un crescendo, tanto da recitare in numerosi film tra cui Emanuelle nera, Luca il contrabbandiere, Apocalypse domani e Paura nella città dei morti viventi. Venantini è stato diretto da molti registi tra cui Ettore Scola e Claude Lelouch.

Dall’intervento al femore subito la scorsa estate, Venantini ha faticato a riprendersi. Dopo un ricovero in ospedale, in questi ultimi giorni, il decesso di oggi, 9 ottobre. A riferirlo all’Ansa, la sorella, Rossana Venantini, che ci tiene a ricordare anche che suo fratello «amava al pari il cinema e la pittura, era un bravo attore, ma era anche un pittore riuscito che ha partecipato a tante mostre».

Venantini era conosciuto e apprezzato in Italia e Francia. Ma anche il piccolo schermo, la televisione, lo ha visto protagonista. Come a esempio nella prima serie de I ragazzi della 3° C, nella quale ha interpretato in alcuni episodi il ruolo del padre di Chicco Lazzaretti. Una famiglia di artisti, visto il figlio Luca è anche un attore. Insieme hanno recitato nel film Giovanni e belli con la regia di Dino Risi e in Superfantagenio del 1986 con la regia di Bruno Corbucci.

I funerali si svolgeranno a Roma, città nella quale risiedeva da tantissimi anni, anche se ogni tanto riusciva a tornare a Fabriano. Le esequie saranno celebrate il 12 ottobre alle 14:30 nella chiesa Sacri Cuori di Maria e Gesù nella Capitale.