Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Lupi avvistati anche a Corinaldo, Principi alla Regione: «Servono provvedimenti»

Il sindaco si appella a palazzo Raffaello perché venga almeno monitorata la presenza degli animali selvatici che hanno già causato danni alle imprese agricole ma che girano anche in prossimità degli abitati

lupi, animali selvatici, attacchi

CORINALDO – Dopo gli avvistamenti nella campagna a sud di Senigallia e nel territorio di Belvedere Ostrense, da qualche tempo sono stati avvistati i lupi anche nel territorio corinaldese. A confermarlo è il sindaco di Corinaldo Matteo Principi che ha voluto portare all’attenzione del presidente Francesco Acquaroli e ai vertici del servizio regionale “agricoltura, sviluppo rurale e pesca” la presenza accertata di lupi nell’area collinare del borgo gorettiano. 

Presenza che ha già causato dei danni ad alcune imprese agricole: si sono verificati attacchi agli animali con alcuni capi sbranati e la conseguente perdita di produttività, come risulta anche da alcune denunce sporte dagli imprenditori di Corinaldo e dei comuni limitrofi. Ma, data la vicinanza anche ai centri delle varie frazioni interessate, sta crescendo la paura tra gli abitanti di Corinaldo.

«La presenza dei lupi è fonte di grave preoccupazione per la popolazione tutta – spiega il primo cittadino corinaldese – perché negli ultimi due-tre mesi gli animali sono stati avvistati in piccoli gruppi anche in prossimità degli abitati. Prima questi avvistamenti erano molto sporadici mentre ora la loro presenza è divenuta abbastanza costante». 

Ma non si tratta solo di possibili danni alle aziende della zootecnia: «i nostri paesaggi di campagna – continua Principi – sono abituale meta di passeggiate ed escursioni. È evidente che la presenza indiscriminata e incontrollata di lupi costituisce una minaccia per la “pubblica incolumità” e ciò rende necessario dover ipotizzare un inderogabile ricorso a misure più efficaci di controllo perché la situazione non sfugga di mano. Quanto meno serve un monitoraggio preciso degli esemplari che si sono ormai stanziati a quote collinari».