Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Movida sregolata sul lungomare Nazario Sauro: «Più controlli e possibile chiusura della spiaggia di notte»

L'assessore alla sicurezza Riccardo Pozzi ha incontrato i bagnini del consorzio di Levante dopo le risse, gli atti di vandalismo e le serate alcoliche. Si richiedono interventi

PESARO – Fine settimana alcolici sul lungomare Nazario Sauro, dopo le risse e i vandalismi l’assessore alla sicurezza e il consorzio dei bagnini di Levante cercano soluzioni. Tra queste anche la possibilità di un’ordinanza per chiudere le spiagge di notte.

L’assessore Riccardo Pozzi fa sapere al termine della riunione che «I bagnini hanno fatto presente le problematiche che si sono trovati ad affrontare e gli atti incivili che hanno subito negli ultimi week end. Ci hanno esposto le loro richieste, proposte che riguardano la tutela delle loro attività, ma anche quella degli stessi ragazzi, turisti e pesaresi che frequentano la zona».

Per quattro weekend consecutivi le forze dell’ordine sono intervenute a seguito di chiamate per risse tra minorenni. Nello scorso weekend una 16enne è stata trovata in coma etilico dalla vigilanza.

Una zona calda in cui non sono mancati atti vandalici agli ombrelloni, il ritrovamento di bottiglie rotte lasciate nella sabbia, cosa molto pericolosa per i clienti. I bagnini hanno chiesto controlli maggiori e costanti durante il fine settimana.

«Nelle prossime ore esporremo la questione agli organi di sicurezza competenti – spiega l’assessore Pozzi -. Tra le idee quelle di un controllo dinamico della zona grazie alla polizia locale e le altre forze per attenzionare la zona. Ma siamo pronti anche a valutare insieme agli altri organi competenti al controllo se chiudere gli stabilimenti nelle ore notturne così come reso possibile anche dai protocolli regionali».

Infine un messaggio rivolto ai ragazzi: «Usate il buon senso. Da anni l’amministrazione porta avanti il messaggio di una città vivace, ma sempre nel rispetto delle regole. Serve responsabilità, specialmente da parte dei giovani».