Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Lega Pesaro: «Il cantiere in via XI Febbraio è un disastro per negozi e viabilità»

I consiglieri chiedono interventi immediati per ridurre l'impatto dei lavori alla scuola Morselli che occupano mezza carreggiata e hanno tolto parcheggi

Il cantiere al Morselli

PESARO – Cantiere al Morselli, la Lega critica fortemente la Giunta Comunale. Il gruppo consiliare interviene dopo il posizionamento del cantiere in via XI febbraio per l’intervento previsto di realizzazione del cappotto termico sulla scuola.

«Il cantiere appena partito in via XI Febbraio è un ritorno al passato, un colpo alle attività economiche e un disastro per la viabilità. Già nel 2014 si sollevarono tante critiche. Dopo più di 6 anni siamo daccapo, visto che il cantiere ha cancellato di colpo tutti i parcheggi sulla strada e ha invaso metà della carreggiata stradale. Questo provocherà un caos assurdo sulla viabilità in uno dei punti più nevralgici della città. Sarà un disastro per quelle attività economiche che insistono sulla zona che sono già state provate dalla crisi economica di questi mesi. La giunta comunale sui Lavori Pubblici è completamente allo sbando, priva di una pianificazione e soprattutto priva di qualsiasi idea che attenui l’impatto ed il danno dei cantieri sulle attività economiche. Non bastavano i ritardi ed il pasticcio per il ponte sulla nazionale che sta bloccando completamente la città in queste settimane, ora ad aggravare la situazione vi è anche questo cantiere che sembra non trovi mai fine».

Il cantiere al Morselli

I consiglieri chiudono: «Lo slogan di inizio legislatura di Ricci “respirare” si sta trasformando sempre più in “soffocare”. Il sindaco e l’assessore Belloni intervengano subito per evitare il caos e soprattutto non accettino questa situazione che, stando alle fonti ufficiali, saranno necessari  almeno altri due anni di lavoro. Giusto realizzare i lavori per l’adeguamento sulla scuola, ma si trovino soluzioni diverse per il cantiere. Sarebbe scandaloso se il Comune accettasse passivamente questa situazione. Si intervenga subito per ridurre le dimensioni del cantiere e per trovare soluzioni per attenuare i disagi per i cittadini, i residenti, e le attività economiche di tutta la zona».