Nuovo Citroen C5 Aircross Hybrid Plug-in
Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

L’Avis di Osimo rinnova il Consiglio

Cambia veste ma non sostanza il nuovo direttivo dell'Avis di Osimo appena eletto, formato anche da giovani under 30, che si prepara ad affrontare il prossimo quadriennio

OSIMO – Il direttivo dell’Avis di Osimo cambia abito e si prepara ad affrontare il prossimo quadriennio con un Consiglio rinnovato. I soci hanno eletto i nomi dei nove consiglieri e dei tre Revisori dei Conti che lunedì si sono ufficialmente insediati. Nominato il presidente dei Revisori, Marco Mazzieri, che condividerà il mandato con Candido Coppari e Marino Pasqualini, mentre al presidente uscente Lino Bontempo succede la nuova proposta Matteo Valeri, già membro del gruppo giovani. Assieme a lui sono stati nominati altri due under 30, Andrea Pigliapoco, che ricoprirà il ruolo di vice presidente, e Lucia Principi in qualità di segretaria. Conserva il ruolo di tesoriere Francesca Pietrucci. Fanno parte del neonato direttivo anche Lino Bontempo, Enrico Barontini, Alberto Ceresola, Luciana Polenta e Fiorella Quirini.

«Siamo pronti a lavorare al meglio per la durata del nostro mandato – ha commentato il presidente –. Ci sono stati alcuni cambiamenti rispetto al passato e sono felice di condividere questi quattro anni con Andrea e Lucia. Tutti e tre abbiamo vissuto l’esperienza del gruppo giovani Avis Osimo e vogliamo dare il nostro contributo per far crescere l’associazione. I giovani nell’Avis sono da sempre una risorsa preziosa e ci impegneremo allo scopo di coinvolgerne ancora di più».

Largo ai ragazzi dunque ma con uno sguardo vigile rivolto a chi ha molto da insegnare: «È assai importante avere al nostro fianco la presenza di chi ha già vissuto questa esperienza per poter avere un valido riferimento con cui confrontarsi e a cui chiedere parere – ha continuato Valeri –. Ringrazio il presidente uscente Lino Bontempo per il lavoro svolto nel suo mandato e per aver puntato molto sui giovani, coloro che mi hanno dato la fiducia necessaria a intraprendere questa avventura e poi tutto il Consiglio direttivo cui auguro buon lavoro».