Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Ladri senza cuore: razzia nella casa di una persona appena morta

I malviventi sono entrati in azione ben sapendo che l'uomo era ricoverato in ospedale insieme al figlio e alla nuora. Rubati contanti e gioielli per un valore di alcune migliaia di euro

Carabinieri impegnati nei controlli

FABRIANO – Sanno che il proprietario e i familiari sono in ospedale e ne approfittano per compiere due furti. Incredibile storia a Fabriano che coinvolge una famiglia residente in via Zacchilli, nel cuore del centro storico cittadino, colpita da un grave lutto.
Il 7 febbraio scorso, le condizioni di salute di un uomo si aggravano e viene portato in ospedale. Accanto a lui, il figlio e sua nuora. Non si preoccupano dei due appartamenti attigui in un palazzina di via Zacchilli. Dopo poche ore, purtroppo, sopraggiunge la morte dell’uomo. I ladri, senza cuore, sono entrati in azione proprio in quelle ore.

Prima hanno rotto il vetro della finestra del bagno dell’abitazione del padre malato e morente. Una volta dentro si sono messi in cerca di soldi e gioielli. Li hanno trovati nella stanza da letto e li hanno rubati. Non contenti, attraverso il balcone, evidentemente abbastanza agili, sono riusciti a passare nell’appartamento del figlio dell’uomo, morto poche ore prima. Hanno forzato una porta finestra e, nuovamente, si sono messi in caccia di potenziale refurtiva. Anche in questo caso sono riusciti ad impossessarsi di contanti e, soprattutto gioielli in oro. Alla fine, alcune migliaia di euro di bottino. Quindi, si sono dati alla fuga.

Provati dal dolore, la coppia ha fatto ritorno a casa, intorno all’ora di cena del 7 febbraio scorso. Non appena hanno aperto la porta dell’appartamento si sono resi conto di quanto accaduto. Hanno allertato le forze dell’ordine che sono, prontamente, giunti sul posto della segnalazione. Si è deciso di controllare anche l’appartamento del padre e, anche lì, i segni del passaggio dei ladri erano inequivocabili. Sono stati effettuati tutti i rilievi de caso e ascoltati alcuni vicini. Quindi, sono immediatamente partite e indagini per rintracciare i ladri senza cuore che, questa è la tesi degli investigatori, potrebbero aver saputo del peggioramento delle condizioni dell’uomo e, quindi, sapevano di poter agire indisturbati.