Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

La Jesiservizi si prende carico dello stadio Carotti e del parco adiacente

Il consiglio comunale metterà al voto l’affidamento alla municipalizzata dell’impianto sportivo e dell’area verde a ridosso della tribuna principale

Lo stadio Carotti e l'area verde adiacente

JESI – Stadio Carotti e parco pubblico adiacente alla società Jesiservizi. Dopo l’esperienza poco soddisfacente con la Jesina calcio, l’amministrazione cambia strategia e prova ad affidare la manutenzione ordinaria dell’impianto sportivo e dell’area verde circostante alla municipalizzata guidata da Salvatore Pisconti, a partire dal mese di novembre. L’atto verrà messo al voto in occasione della seduta consiliare del 30 settembre.

«Sulla scorta delle valutazioni inerenti le recenti esperienze gestionali affidate a società sportive – scrive il Comune -, emerge la necessità di un miglioramento degli standard professionali e di una crescita dei livelli di efficienza e decoro riferiti sia all’impianto sportivo che all’adiacente area verde. in data 31 ottobre 2021 giungerà a termine il periodo di gestione transitoria dello Stadio Carotti e dell’adiacente parco comunale, aggiudicata alla Cooperativa Sociale Tadamon in forza di contratto Mepa. L’affidamento alla citata Cooperativa era stato effettuato a seguito della rinuncia, da parte della S.S.D. Jesina s.r.l., all’esercizio della gestione dell’impianto a decorrere dal 30 giugno 2020. Il Comune di Jesi aveva evidenziato alla stessa S.S.D. Jesina una situazione di carente manutenzione del verde, riferita sia all’impianto sportivo che all’area del parco pubblico antistante. Negli ultimi anni, la gestione dell’impianto attraverso società sportive ha comportato risultati poco soddisfacenti anche in termini di esecuzione della manutenzione ordinaria, con influenze negative sullo stato di conservazione dello Stadio e delle annesse strutture».

Il corrispettivo richiesto dalla Jesiservizi è di 60 mila euro, che tiene in considerazione «gli attuali costi gestionali, maggiorati rispetto alla situazione dell’annualità 2016, la necessità di impiego di personale contrattualizzato, l’utilizzo di mezzi e strumentazione tecnica di massima efficienza, ai fini dello svolgimento dell’attività manutentiva, e l’obiettivo di miglioramento degli standard qualitativi di gestione, rispetto alla situazione attuale». L’appalto, se il consiglio comunale dovesse approvare, avrà durata un anno e sarà a carattere sperimentale.

La Jesiservizi intende fin da subito effettuare la posa in opera di reti per impedire la nidificazione e lo stazionamento dei piccioni sul tetto della tribuna, interventi urgenti di eliminazione delle crepe che generano infiltrazioni di umidità e perdite d’acqua nella tribuna e nella fontana del parco e installazione di una pompa di ricircolo, interventi sostitutivi di parte dei sanitari e delle rubinetterie degli spogliatoi, ripristino dell’impianto di irrigazione ed eliminazione delle perdite di acqua nel campo in erba.