Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Via i contenitori a Porta Valle e i rifiuti sono a cielo aperto

Rimossi all'inizio di settembre i contenitori dei rifiuti a Porta Valle. Un disagio per i residenti del centro storico che non sono stati avvertiti dell'operazione

rifiuti porta valle jesi
Rifiuti abbandonati a Porta Valle

JESI – Rimossi all’inizio di settembre i contenitori dei rifiuti a Porta Valle. Un disagio per i residenti del centro storico che non sono stati avvertiti dell’operazione.

Il risultato è che, inizialmente, molti sacchi di rifiuti sono stati abbandonati a ridosso di Porta Valle, una delle storiche porte di accesso alla città, offrendo uno spettacolo davvero indecoroso. Nei giorni successivi il Comune ha piazzato sul posto dei cartelli per il divieto di scarico e l’invito a ritirare i bidoni al centro di raccolta comunale al Campo Boario di viale Don Minzoni (aperto dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 19 e il sabato dalle 7 alle 13). «Che sia iniziata la raccolta porta a porta in centro storico?» – si sono chiesti i residenti che non ne sono stati avvertiti .- «Senza alcuna informazione e coinvolgimento dei cittadini ci siamo trovati di fronte al fatto compiuto, senza sapere come doverci comportare». «È la dimostrazione – aggiungono in zona – dello stato di abbandono del quartiere. Per non parlare di cosa accade dietro quei teli orribili che sono un incentivo a non differenziare, e di che fine fanno i nostri rifiuti correttamente separati: basta aprire i contenitori dell’umido in piazza Baccio Pontelli per vedere la prevalenza di sacchi neri purtroppo».

rifiuti porta valle jesiDella vicenda si parlerà nel prossimo consiglio comunale a fine mese con una interrogazione presentata dalla consigliera Agnese Santarelli, Jesi in Comune. La consigliera chiede di sapere se la raccolta porta a porta sia iniziata anche nel centro storico, evidenziando che se così fosse i residenti non sono stati avvertiti ma che semplicemente non hanno più trovato i contenitori dove solitamente gettavano l’immondizia. La consigliera chiede inoltre di sapere quali sono le vie interessate e quali iniziative il Comune ha intenzione di intraprendere per dare una corretta, seppur tardiva, informazione ai residenti al fine di far funzionare al meglio il servizio.