Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Jesi: bilancio di un anno di amministrazione, Sindaco e Giunta fanno il punto

Massimo Bacci: «In tutti noi c'è la volontà fortissima di arrivare a cogliere i risultati che ci siamo posti nel programma di mandato». Sul tappeto anche la questione dell'università, l'incontro di giovedì sulla Torre Erap, lo stato di salute della Fondazione Pergolesi Spontini

Giunta Jesi
La conferenza stampa di Sindaco e Giunta anche in diretta Facebook

JESI – A un anno esatto dalla rielezione del Massimo Bacci bis, Sindaco e Giunta si sono ritrovati attorno a un tavolo per rendere conto del lavoro svolto in questi ultimi 365 giorni in riflesso al programma di mandato con il quale vinsero nelle recenti elezioni amministrative. «In tutti noi c’è la fortissima volontà di arrivare a risultati importanti e ambiziosi», ha sottolineato il primo cittadino.

Con un comune denominatore evidente, e ripetuto più volte, comunque: difficoltà e criticità tante, risorse scarse. Di qui l‘efficientamento della macchina comunale, bando agli sprechi. I risultati richiedono più tempo «ma abbiamo una professionalità che opera da circa un mese al nostro interno e riusciremo nel medio periodo a toccare con mano traguardi significativi volti alla riorganizzazione e all’informatizzazione delle procedure interne».

«Un’attività, la nostra, in itinere – ha detto nel prologo Massimo Bacci – ma la macchina comunale ha svolto parecchie delle attività che avevamo programmato. In poche di queste siamo in ritardo. Di qui l’esigenza di voler comunicare ai nostri concittadini che gli impegni presi sono per noi ineludibili. Vogliamo raggiungere, se possibile, una percentuale molto alta di compimento degli stessi e siamo, credo, sulla buona strada, siamo operativi».

Servizi alla PersonaGiunta Jesi

Caratterizzano le attività di un Comune, ha sottolineato Bacci, e l’attività svolta dall’Asp si sta svolgendo in maniera sempre più concreta in virtù dell’efficienza della struttura e di chi vi opera. Un riferimento a livello regionale, tanto è vero che Comuni fuori dall’ambito chiedono di poter essere coinvolti. I traguardi che si stanno raggiungendo sono molto importanti e il volume di gestione economica è molto elevato: 20 milioni di euro con entrate che si avvicinano a quelle del Comune, che sono poco più di 30 milioni. Servizi di altissima qualità e «di recente costituzione c’è una Fondazione che nasce per raccogliere ulteriori fondi. La presidente è Elisa Di Francisca». La speranza è che si riesca a coinvolgere i Comuni anche in altri servizi.

Cultura

Raggiunti tre obiettivi molto importanti: l’inaugurazione del museo multimediale Federico II “Stupor Mundi“, il museo archeologico, il Polo Enogastronomico. «Possiamo affermare con certezza che l’ente pubblico ha anticipato i privati offrendo grosse opportunità alla città e agli operatori, specialmente quelli del centro storico». La prossima sfida sarà quella di mettersi in rete con quanti sono interessati a investire sulle attrattive di Jesi per arrivare a un “gioco di squadra“.

Fondazione Pergolesi Spontini (dopo il buco di bilancio)

LLuca Butini e Massimo Bacci
Luca Butini e Massimo Bacci


«Volevo ringraziare l’assessore che se ne è fatto carico in maniera importante. Abbiamo vissuto una fase di transizione, di superamento di alcune situazioni molto critiche. Superate in modo brillante E un ringraziamento va anche a quanti fanno parte della struttura perché la Fondazione è ripartita molto bene. E lo si vedrà sin da subito, già dal Festival di luglio e, poi, con le stagioni di lirica e prosa».

Ufficio contributi europei

«Un ambito nel quale si è lavorato molto bene – ha detto il Sindaco -. Nell’ultimo anno abbiamo avuto un milione per la mobilità sostenibile in collaborazione con altri sei Comuni. Noi siamo capofila. Un milione e 100 per la nuova scuola ex Crt, destinata a materna e asilo nido, 280 mila euro dalla Regione per la riqualificazione energetica della piscina e 500 mila euro per la messa in sicurezza della scuola “Martiri della Libertà“». Contributi che, in buona parte, nascono dall’attività degli uffici e che Bacci ha voluto ringraziare.

Lavori PubbliciGiunta Jesi

Un tasto molto delicato, un aspetto sul quale si determina in grande parte il giudizio su un’Amministrazione. «Nonostante le grandissime difficoltà che ci sono nel reperire i fondi, credo che si siano fatti interventi molto importanti. Una su tutte la nuova rotatoria, operativa, alla Zipa, in fase di realizzazione». Sul tappeto anche il completamento della nuova ala del cimitero monumentale «anche se quelli non sono elettori che portano voti ma credo che questo fosse un aspetto da affrontare e lo abbiamo fatto giungendo al termine, trovando la possibilità di essere finanziati attraverso i privati. E a settembre ci sarà un nuovo bando». Per il ponte San Carlo, chiuso ai mezzi pesanti che non riesce a sostenere più, «le responsabilità vanno trovate in anni e anni di mancata manutenzione che coinvolge anche l’edificio del Comune. Criticità che ci troviamo ad affrontare in un periodo di scarsissime risorse». Approvato il Peba – Piano abbattimento barriere architettoniche – dopo anni nei quali non si era dato seguito a un obbligo di legge. A Jesi, di barriere, ne sono state individuate più di mille. Presentati due progetti importanti legati alla riqualificazione della pubblica illuminazione e all’installazione di videocamere di sorveglianza in viale Cavallotti – giardini pubblici, al Campo Boario, al Parco del Vallato e negli accessi alla città. Giovedì prossimo, intanto, in via Tessitori è in programma un incontro con i residenti del quartiere San Giuseppe. In primo piano, maturalmente, ci sarà anche l’annosa questione dell’erigenda Torre Erap.

Emergenza neve

«Quest’anno abbiamo messo in atto un piano pensato nel 2013 che non avevamo mai avuto la possibilità di testare. Con grandissima soddisfazione posso dire che si è gestita un’emergenza – lo scorso febbraio – con grande capacità professionale a un costo esiguo, sui 60 mila euro. Nel 2012 la nostra comunità ha sostenuto un milione di spesa per circa il doppio delle giornate. Merito del sistema organizzato».

Associazioni di volontariatoGiunta Jesi

Un assessorato apposito, al debutto, una chiave di volta importante con chi «caratterizza la vita della città, con tantissime persone che lavorano, operano. Siamo sulla buona strada, stiamo creando le condizioni per avere finalmente un regolamento per l’assegnazione degli spazi pubblici per un utilizzo in maniera strutturata».

Servizi educativi

Si sta facendo molto nel rapporto con gli istituti scolastici della città. «Abbiamo ottenuto un grande risultato con il “Cuppari” quando c’era l’esigenza di non perdere alcune caratteristiche di quella scuola. Anzi, abbiamo contribuito a rafforzare quella che ne è la “mission“, lavorando, poi, con le scuole primarie e secondarie in maniera fattiva. Siamo l’unico Comune che porta avanti un protocollo con tutti gli istituti per l’inclusione strutturata degli studenti che vengono da altri Paesi. Ci abbiamo investito e non poco. E stiamo adeguando, dal punto di vista delle strutture, gli impianti antincendio». Inoltre, il Sindaco ha parlato anche dell’università. «Stiamo cercando una prospettiva futura, non è semplice. Credo che riusciremo a fare qualcosa di importante». La convenzione con Macerata è stata “rivista”, da 10 si è passati a 5 anni e scadrà nel 2020. Il percorso è quello di trovare soluzioni alternative, come corsi post universitari. Altrimenti si chiude.Giunta Jesi

L’aspetto sanità ha riproposto la questione ospedale, con le sue eccellenze e le sue deficienze strutturali e di organico apicale. L’attenzione è sempre alta ma la questioni si decidono altrove. Entro settembre, comunque, dovrebbe riaprire pneumologia e il centro Azzaruolo per l’autismo avrà valenza regionale. A livello di attività sportive Bacci non si è soffermato «perché i fatti parlano da soli». Sottolineata anche l’operatività a breve, del distretto cicloturistico.