Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Hotel per malati Covid, uno a Pesaro e uno a Fano

La Regione e Asur chiedono strutture per persone in isolamento fiduciario o positivi. Verranno pagate anche le camere vuote: un'opportunità di lavoro, visto il periodo nero

ancora contagi da coronavirus, covid-19, prelievi, test rapidi
Covid-19 (Foto di fernando zhiminaicela da Pixabay)

PESARO – Hotel per malati Covid: ne sarà individuato uno a Pesaro e uno a Fano.
La Regione Marche ha pubblicato il decreto e si va verso l’accordo per garantire ospitalità alle persone che, su indicazione della Asur territorialmente competente, debbano essere poste in isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria al di fuori della propria residenza o domicilio e per le quali non sia disponibile altra o diversa soluzione alloggiativa.

Le strutture devono garantire la possibilità di effettuare l’isolamento, in camere adibite ad uso singolo, alle persone che risultano positive al Covid-19 e che non necessitano di ricovero ospedaliero o ai pazienti, dimessi dall’ospedale, in condizioni stabili, ma ancora positivi.
Ogni provincia dovrà fornire due strutture. L’associazione Apa Hotels, referente per la categoria degli albergatori ha subito inoltrato la richiesta ai suoi associati.

Visto il periodo nero, sicuramente rappresenta una opportunità di lavoro. In pratica l’accordo prevede un compenso di 30 euro per ogni camera vuota, più altri 25 euro per ogni ospite a cui dovrà essere garantito la colazione, il pranzo e la cena. Tra i servizi richiesti ovviamente una sanificazione idonea e il wi-fi in modo da permettere il lavoro in smart working. Ovviamente le camere devono essere dotate di servizi igienici con acqua calda e fredda, riscaldamento e raffrescamento. Il servizio di reception deve essere h 24 sette giorni su sette.

Di turisti se ne vedono pochi, del resto non si fanno eventi nè iniziative o congressi, il commerciale è ridotto al lumicino. Secondo le prime indiscrezioni saranno due gli hotel, uno a Fano il Plaza e l’altro a Pesaro, ma il nome è ancora al vaglio per le ultime verifiche.