Grottammare, si finge biologo nutrizionista. Scoperto dalle fiamme gialle

I finanzieri sono arrivati a lui da un controllo fiscale. Il comandante Iadarola: «Combattiamo l'abusivismo che lede l'attività di chi opera in regola con la legge, ma anche la salute dei cittadini»

Il comandante provinciale delle fiamme gialle di Ascoli Piceno, Michele Iadarola

GROTTAMMARE – Finto biologo nutrizionista scoperto dalla Guardia di Finanza Ascoli Piceno. L’uomo, che esercitava abusivamente la professione a Grottammare, era già finito sotto la lente delle fiamme gialle di San Benedetto del Tronto nel luglio scorso durante un controllo fiscale. I finanzieri, con l’occasione, avevano acquisito della documentazione sanitaria riguardante i 300 pazienti seguiti dal “sedicente professionista”, scoprendo che l’attività era svolta senza titolo (abusiva).

La Procura della Repubblica di Fermo ha chiesto il sequestro preventivo, accolto dal Gip di Fermo ed eseguito dai Finanzieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno, guidati dal comandante Michele Iadarola. Sottoposta a sequestro anche l’attrezzatura utilizzata dal professionista abusivo.

Attrezzatura sequestrata dalla Guardia di Finanza di Ascoli Piceno

«Partendo dalla tutela economico finanziaria combattiamo l’abusivismo che lede l’attività di chi opera in regola con la legge – spiega il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno, Michele Iadarola – ma, come in questo caso anche la salute dei cittadini, dal momento che chi esercita una professione abusiva non ne possiede conoscenze. Siamo costantemente in contatto con le associazioni di categoria alle quali chiediamo sempre di avere indicazioni su chi opera abusivamente».

Ora le fiamme gialle proseguiranno nel controllo ispettivo per stabilire dal punto di vista tributario l’entità delle prestazioni professionali erogate in maniera illecita.