Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

In gita al lago nelle Marche: dove andare in estate per fare il bagno, noleggiare canoe e passeggiare

I più noti sono il Lago di Pilato, il Lago di Fiastra, di Castreccioni, di Caccamo e di Mercatale. Ma, anche se meno conosciuti, nelle Marche ci sono molti altri bacini che meritano di essere visitati

Il lago di Fiastra

MARCHE- Non solo mare e montagna, nelle Marche ci sono anche meravigliosi laghi dove poter trascorrere piacevoli giornate estive. Un modo differente per godersi un po’ di relax e concedersi una passeggiata a piedi o in bicicletta in mezzo alla natura, fare un giro in pedalò oppure in canoa lontano dalle spiagge affollate. Da nord a sud della regione, tra laghi e bacini artificiali c’è solo l’imbarazzo della scelta. Alcuni sono molto noti, altri meno conosciuti.

Il più famoso è sicuramente il Lago di Pilato, un gioiello incastonato in cima al Monte Vettore, sui Sibillini, a 1.941 metri s.l.m., nel comune di Montemonaco (AP). Si tratta dell’unico lago naturale delle Marche e uno dei pochi laghi glaciali di tipo alpino presenti nell’Appennino. È chiamato anche “il lago con gli occhiali” in quanto, con lo scioglimento del ghiacciaio, i due laghetti si uniscono. Altra particolarità è la presenza nelle acque di un particolare endemismo, il Chirocefalo del Marchesoni. La salita per raggiungere il lago, della durata di circa 2 ore e mezza, è impegnativa, ma i panorami lungo il sentiero e lo spettacolo una volta arrivati alla meta ripagano ogni fatica. È consigliato indossare scarpe da trekking, copricapo, crema solare e portare dell’acqua. Alcune curiosità. Secondo la leggenda nelle acque del lago sarebbe custodito il corpo di Ponzio Pilato, condannato a morte da Tiberio. L’imperatore dopo averlo rinchiuso in un sacco, lo affidò ad un carro di bufali lasciandoli liberi di vagare. Da Roma gli animali arrivarono fino alla Cima del Redentore, sul Vettore, e il corpo di Pilato cadde nel lago. Inoltre nel Medioevo era considerato luogo di streghe e negromanti.

Lago di Pilato (Foto: turismo.marche.it)

Nelle Marche sono due i laghi balneabili: il lago di Fiastra e il lago di Mercatale. Situato in una conca circondata da colline e ai piedi dei Monti Sibillini, il Lago di Fiastra (MC) è il bacino idroelettrico più grande delle Marche. È una meta ideale per passare una giornata con i propri figli. Le sue acque sono pulite e di colore blu intenso e in alcuni tratti segnalati è possibile fare il bagno. La spiaggetta principale di San Lorenzo è attrezzata ed è presente anche il bagnino; ci sono poi spazi destinati alla spiaggia libera molto ampi.  Le attività da fare al lago sono numerose: escursioni a piedi e in mountain bike, pesca, sport acquatici, gite in pedalò e in canoa. Chi cerca le emozioni forti può divertirsi al parco avventura. Al lago sono inoltre disponibili aree per grigliare, aree sosta camper e parcheggi.

Anche al lago di Mercatale (PU) è possibile la balneazione in un’area limitata. Situato tra il paese di Mercatale e Sassocorvaro, è un lago artificiale chiuso da una diga sul fiume Foglia. Per trascorrere qualche ora all’insegna del relax o per fare una scampagnata è sicuramente il luogo giusto. Ci sono piccoli impianti di beach volley, giochi per bambini, area sosta camper e un ristorante. Inoltre è presente un servizio ombrelloni con bagnino, si possono noleggiare imbarcazioni e si può passeggiare lungo il lago.

Un altro posto assolutamente da visitare è il Lago di Castreccioni a Cingoli (MC). Per le sue dimensioni è il più grande bacino artificiale delle Marche e di tutto il centro Italia. Nei boschi circostanti si possono fare escursioni a piedi o in bicicletta, si può passeggiare lungo il lago, noleggiare barche, pedalò e canoe. Sulle rive ci sono punti di ristoro, ombrelloni, sdraio e lettini.

Lago di Castreccioni

Il Lago di Caccamo, nel comune di Serrapetrona (MC), è la destinazione perfettae per godersi una giornata di totale relax. Si trova lungo la valle del fiume Chienti, nel cuore dell’Unione Montana Monti Azzurri, tra Civitanova Marche a Foligno. Si può passeggiare lungo le sponde, fare escursioni e pic nic. In prossimità del lago si trovano un campeggio, agriturismi, barbecue, un ristorante storico, un’area attrezzata per prendere il sole e tavoli all’aperto. Ci sono poi un’area per giocare a bocce e per i più piccoli una pista con le macchinine bigliardini e giochi vari.

Tra i laghi da visitare in provincia di Ascoli Piceno ci sono a Montemonaco il Lago di Gerosa, un bacino artificiale che sorge a 650 mt. s.l.m. e Laghetto di Palazzo Borghese, un piccolo specchio di acqua nel Parco dei Monti Sibillini. È raggiungibile solamente a piedi ed è visibile unicamente dopo lo scioglimento delle nevi, quindi tra primavera e inizio estate. Ad Ascoli Piceno ci sono poi il Lago di Castel Trosino e il Lago di Talavacchia. In provincia di Fermo, ad Amandola, c’è il Lago di San Ruffino, un lago artificiale attorno al quale si snoda un sentiero percorribile a piedi, a cavallo o in mountain bike. Inoltre, vengono organizzate gite in canoa e regate a vela.

In provincia di Macerata ci sono anche il Lago di Polverina vicino Camerino, a Tolentino il Lago delle Grazie e il Lago le Vene, infine a Valfornace il Lago di Boccafornace. In provincia di Pesaro Urbino si può andare al Lago del Furlo ad Acqualagna mentre in provincia di Ancona meritano una visita i laghetti di Portonovo: il Lago Grande e il Lago Profondo si trovano a pochi passi dal mare e contengono acqua salmastra.