Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Giornata europea dei Parchi: nelle Marche 12 aree protette da tutelare

Tra le bellezze che rendono unica la nostra regione ci sono le dune di sabbia a Senigallia, dove crescono piante rare e dove nidifica il Fratino. Ce ne parla Martina Magini, guida ambientale escursionistica, che ci racconta anche il progetto "Le Marche in Cammino"

Parco del Conero

ANCONA- Una settimana all’insegna della natura. Oggi, 24 maggio, è la Giornata europea dei Parchi, ieri (23 maggio) è stata la Giornata mondiale delle tartarughe, il 22 maggio della biodiversità, il 21 la Giornata europea della Rete Natura 2000, mentre il 20 maggio si è celebrata la Giornata mondiale delle api. Appuntamenti che sottolineano l’importanza di rispettare l’ambiente e di salvaguardare animali, piante e microorganismi presenti sulla Terra. Tra parchi e riserve naturali, le Marche ne vantano ben 12 per una superficie complessiva di circa 89.557,32 ettari, pari a circa il 9,56% del territorio regionale.

Martina Magini

«Le aree protette sono importanti per tutelare gli habitat di molte specie e di conseguenza la biodiversità. Queste giornate sono utili per riflettere su come approcciare alla natura nel modo giusto, come dico io “a passo felpato”, senza arrecare disturbo – afferma Martina Magini, guida ambientale escursionistica -. Pochi giorni fa nel Parco dei Sibillini sono state uccise una vipera dell’Orsini e un’aquila reale, entrambe specie in via d’estinzione. Occorrono sensibilizzazione ed educazione ambientale, per questo è importante farsi accompagnare dalle guide. I parchi sono un ottimo strumento per tutelare le aree protette. Ad esempio, sul Catria per fare impianti sciistici a 1.400/500 metri di altitudine, dove non sempre nevica e quindi la neve è sparata con i cannoni, hanno disboscato aree di gran pregio. Se ci fosse stato un parco questo non sarebbe successo».

Per la Giornata europea dei Parchi nelle Marche non sono state organizzate iniziative all’aperto a causa dell’emergenza coronavirus ma, dopo oltre due mesi di stop, alcune guide da oggi riprendono le escursioni. Secondo le direttive nazionali disposte per la sicurezza sanitaria, si dovrà indossare la mascherina e garantire il distanziamento. Tra le bellezze e le particolarità che rendono unica la nostra regione ci sono anche le dune di sabbia a Senigallia dove crescono piante rare e dove nidifica il Fratino.

«Da quest’anno sono la responsabile del progetto Dune Senigallia, commissionato dal Comune – spiega Martina Magini -. Da Cesano a Marzocca ci sono tre habitat dunali inseriti all’interno della direttiva europea Habitat 92/43/CEE. Ci sono delle piante rare, come le psammofile, che crescono sulla sabbia ad elevate salinità. Inoltre, la spiaggia di Senigallia è uno dei siti preferenziali di nidificazione del Fratino, un uccello in via d’estinzione che va tutelato. Ci sono una ventina di coppie stabili che svernano qui, altri arrivano a primavera per nidificare. Il progetto è attivo da 10 anni ma c’è ancora bisogno di sensibilizzare le persone».


Durante il lockdown, un gruppo di amici, nonché guide ambientali escursionistiche associate Aigae, ha dato vita al progetto “Le Marche in Cammino”.

«Siamo circa una ventina di guide e abbiamo deciso di promuovere 12 cammini che attraversano le Marche, come ad esempio: sui passi dei Camaldolesi, Cammino delle Terre Mutate, Cammino Francescano della Marca… Il nostro territorio ha una varietà paesaggistica unica. È spettacolare: ci sono le montagne, le colline e il mare – racconta Martina Magini -. Ci siamo organizzati a coppie e abbiamo percorso questi cammini documentandoli con foto e video. Ogni giorno li pubblichiamo sulla pagina Facebook “Le Marche in Cammino” per farli conoscere e per promuovere il turismo lento, compatibile con la tutela dell’ambiente e che non arreca disturbo. Spesso le persone fanno danni inconsapevolmente quindi le guide escursionistiche hanno ruolo chiave perché insegnano come comportarsi in natura. Il trekking è in crescita, le persone hanno bisogno di fare camminate, infatti le richieste di escursioni sono in aumento».