Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Il 15 gennaio il funerale di monsignor Mario Cecchini: in lutto la comunità di Fano e Senigallia

Il rito funebre si terrà alle 15 nella cattedrale di Senigallia. Seri: «Se ne va un riferimento che per anni ha contribuito alla crescita spirituale e sociale della nostra città»

Cattedrale di Senigallia

FANO – Si svolgeranno nella giornata del 15 gennaio i funerali di monsignor Mario Cecchini, vescovo della diocesi di Fano, Fossombrone, Cagli e Pergola dal 1986 al 1998 e vescovo emerito. Durante il suo mandato fu uno degli artefici della rinascita religiosa e civile della Città della Fortuna. Le esequie si terranno nella cattedrale di Senigallia alle ore 15 e saranno trasmesse in diretta su Fano TV per permettere anche ai fedeli del fanese di seguire il rito religioso.

Il religioso, 88 anni, si è spento all’Opera Pia Mastai Ferretti di Senigallia, dove viveva da tempo. Era tra gli ospiti che aveva contratto il Covid-19. Due le comunità in lutto, quella fanese ma anche quella di Senigallia: Cecchini, essendo originario di Piticchio di Arcevia, ha svolto la sua missione presbiteriale anche nella Valmisa.

monsignor Mario Cecchini
Monsignor Mario Cecchini

Lo ha voluto ricordare anche il primo cittadino di Fano Massimo Seri: «Mi addolora la notizia della scomparsa di mons. Mario Cecchini, vescovo emerito di Fano, Fossombrone, Cagli e Pergola. La nostra comunità – continua Seri – lo ricorda con tanto affetto, sia per la saggezza che per la concretezza con cui ha condotto azioni importanti, tra cui la trattativa con il Vaticano per l’acquisto dell’ex seminario regionale. Se ne va un riferimento che per anni ha contribuito alla crescita spirituale e sociale della nostra città».

Commovente anche il ricordo che la diocesi fanese gli ha voluto dedicare in queste ore: «Persona paterna, amabile e vicino alla gente, la sua presenza alla guida della diocesi fanese è stata segnata da un grave incidente subito alla fine degli anni ’80. Nel suo ministero ha favorito le Missioni ad gentes visitando, laddove svolgevano il loro ministero, i preti fidei donum della diocesi. La sua devozione a Maria, madre di Gesù, ha segnato profondamente la sua spiritualità e il suo agire pastorale. Tutto il popolo di Dio, il Vescovo Armando, il presbiterio, i diaconi, i religiosi e le religiose, lo ricordano con gratitudine all’altare del Signore».