Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Focolaio di Covid-19 nella casa di riposo di Urbisaglia: «Attendiamo l’arrivo dei medici militari»

Continua intanto la gara di solidarietà nella struttura "Lazzarelli" di San Severino. In miglioramento gli ospiti di Villa Cozza, Loro Piceno e Mogliano

assistenza anziani, cure intermedie, rsa
Anziani

Dopo i casi registrati nella struttura di Villa Cozza a Macerata, nelle case di riposo di Loro Piceno e Mogliano delocalizzate all’Hotel Maestà di Urbisaglia e alla Lazzarelli di San Severino un nuovo focolaio di Covid-19 ha interessato le strutture per anziani del Maceratese: si tratta della casa di riposo Buccolini di Urbisaglia dove ci sono 36 positivi.

«Per quanto riguarda la casa di riposo a oggi gli ospiti positivi sono 26 e dieci gli operatori sanitari – ha fatto sapere il sindaco Paolo Francesco Giubileo -. Sabato 5 dicembre tre degli ospiti sono stati trasferiti all’ospedale di Macerata e altre tre persone in rsa strutturate per casi di Covid-19: una a Fossombrone e due a Galantara». La maggior parte degli ospiti presentano delle condizioni stabili e asintomatiche ma alcuni hanno mostrato dei peggioramenti con stati febbrili e desaturazione. Il sindaco Giubileo ha fatto sapere anche che «siamo in attesa dell’arrivo dei medici militari con i quali abbiamo già avuto contatto. Nella struttura gli ospiti positivi sono stati divisi da quelli negativi e siamo in costante contatto con l’Asur che ha assicurato il proprio supporto anche con l’invio delle Usca».

Volgono verso un miglioramento le situazioni che riguardano le altre strutture della provincia interessate da focolai di Covid-19 mentre continuano gli episodi di solidarietà verso queste strutture che si occupano della cura di persone fragili.

Nella casa di riposo settempedana l’associazione Help Sos Salute e Famiglia – composta da mamme di San Severino – ha consegnato 200 tute. «Questo ennesimo gesto di solidarietà è stato reso possibile grazie alla generosità di quanti, con le loro donazioni, hanno voluto contribuire alla sicurezza degli ospiti della casa di riposo e del personale sanitario che se prende cura – ha commentato la presidente di Help Cristina Marcucci -; abbiamo in questo modo deciso di rispondere in modo positivo anche all’appello lanciato giorni fa dal sindaco Rosa Piermattei. Con questa donazione abbiamo raggiunto un totale di 270 tute e 300 calzari, ma sappiamo benissimo che non sono mai abbastanza in quanto il personale della casa di riposo utilizza 50 tute al giorno per la protezione dei propri operatori e ha manifestato un grande bisogno di questi materiali. Noi siamo a disposizione per continuare ad aiutarli» ha concluso Marcucci.

Intanto la Andrea Bocelli Foundation ha deciso di donare alla casa di riposo di San Severino tre concentratori di ossigeno, 500 mascherine e 1500 guanti i protezione. «Anche a nome degli anziani ospiti della nostra casa di riposo vorrei ringraziare la Andrea Bocelli Foundation per questo grande dono» ha sottolineato il sindaco Rosa Piermattei.