Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Fano guarda al futuro con un albero per ogni neonato: 412 quelli piantati – FOTO

La città della Fortuna celebra dal 2005 la Festa degli Alberi in modo speciale: piantando un albero per ogni nato nell'ultimo anno. Ad oggi sono presenti circa 89 mila metri quadri di superficie boschiva

A Fano un albero per ogni neonato
A Fano un albero per ogni neonato

FANO – Fano guarda al futuro con il progetto “un albero per ogni neonato”. La città della Fortuna celebra dal 2005 la Festa degli Alberi in modo speciale: piantando un albero per ogni nato nell’ultimo anno, più di 400 per quanto riguarda il 2020.

A Fano un albero per ogni neonato
A Fano un albero per ogni neonato

«Anche quest’anno, grazie alla donazione di Assam – riferisce il sindaco Massimo Seri – abbiamo piantato nuovi alberi per far “respirare la città” e sensibilizzare le nuove generazioni al rispetto per la natura e per l’ambiente. Gli alberi piantati sono 412, come i nuovi nati nella nostra città nel 2020, per festeggiare la Festa degli Alberi. Quest’anno purtroppo non è stata possibile la presenza dei bambini delle scuole elementari, ma solo dei referenti del progetto, ma è un appuntamento importante che ogni anno aiuta a rinverdire la nostra città e a creare nuovi serbatoi di biodiversità».

Un albero per ogni neonato-3
Un albero per ogni neonato

Ad oggi nel comune fanese sono presenti circa 89 mila metri quadri di superficie boschiva: una quota che dimostra l’importanza primaria che gioca il verde e l’ecosostenibilità per l’amministrazione fanese.

«L’albero è un essere vivente straordinario – ha commentato l’assessora all’Ambiente Barbara Brunori -, in grado di adattarsi alle condizioni, anche estreme, dell’ambiente circostante dov’è stato piantato. Una sorta di metafora con gli esseri umani che, in questo 2020, sono stati costretti a scontrarsi con un ambiente esterno impervio e ad adattare la propria vita alle circostanze. Come amministrazione accogliamo di buon cuore la donazione che Assam ci fa ogni anno perché consideriamo l’albero come una fonte rinnovabile di futuro».

Un albero per ogni neonato -4
Un albero per ogni neonato -4

I nuovi virgulti piantumati poi non sono semplici alberi ma piante e arbusti con caratteristiche genetiche da conservare. Le future aree boschive comunali verranno gestite non solo come aree verdi, ma come veri e propri serbatoi di biodiversità, con interventi ridotti e calendarizzati in modo da non interferire sul ciclo vitale delle piante e degli animali che le frequentano.