Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Fano teatro di guerriglia urbana: circa 200 baby vandali devastano il quartiere Sant’Orso – VIDEO

Nella notte di Halloween, l'intera zona è stata messa a soqquadro da ragazzi dai 14 ai 18 anni. Danneggiate strutture pubbliche, arredi urbani e giochi dei bambini nei parchi. Seri: «Atti di teppismo e vilipendio alle forze dell’ordine riceveranno tolleranza zero»

Vandali in azione nella notte di Halloween
Vandali in azione nella notte di Halloween 2020

FANO – Notte da incubo quella a cavallo tra il 31 ottobre ed il primo novembre per la città di Fano che ha visto diversi quartieri essere messi a ferro e fuoco da centinaia di ragazzini che hanno approfittato della notte di Halloween per i loro raid vandalici.

E pensare che poche ore prima, vista la forte recrudescenza pandemica e l’impennata della curva dei contagi, il sindaco Seri si era appellato alla cittadinanza per limitare i festeggiamenti e comportarsi in maniera responsabile.

Lampione danneggiato
Lampione danneggiato
Danni a Sant'Orso
Danni a Sant'Orso
Vandali in azione nella notte di Halloween
Vandali in azione nella notte di Halloween

Una raccomandazione non solo caduta nel vuoto, ma che mostra come, in questo periodo storico, siano molto più funzionali i divieti e le limitazioni imposte che l’affidarsi allo spirito civico dei cittadini. A pagare il prezzo più alto è stato il quartiere di Sant’Orso, messo letteralmente a soqquadro da circa 200 ragazzi dai 14 ai 18 anni: una vera e propria baby orda che ha danneggiato e distrutto qualsiasi cosa le sia capitata a tiro. Strutture pubbliche, arredi urbani e giochi dei bambini nei parchi: niente è stato risparmiato. Usati anche petardi vietati ai minori. (Qua il video di come si presentava il quartiere nella mattinata del 1° Novembre)

Petardi a Sant'Orso
Petardi a Sant’Orso

Nel tentativo di cercare di contrastare i bagordi è scesa in campo la Polizia locale che ha identificato 10 minori di cui 3 detenevano materiale esplodente la cui vendita è vietata ai minorenni; per loro dovranno risponderne i genitori. Un ragazzo è stato denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale; altri 5 sono stati multati perché rinvenuti senza mascherina. In più sono stati redatti 4 verbali per violazioni alle norme del codice della strada. Sono comunque in corso le indagini per identificare alcuni degli autori responsabili degli atti vandalici.

Altro zona finita nelle mire dei teppisti è stata il parchetto che si trova tra via Del Ponte e via dei Pini: a terra sono state rinvenute 3 bottiglie di superalcolici, lattine di birra, cartacce e rifiuti vari sparsi sul tavolo e sul prato.

Durissima la condanna del primo cittadino Massimo Seri su quanto avvenuto: «Quello che è accaduto ieri sera e questa notte a Sant’Orso è intollerabile. Saranno presi seri provvedimenti verso chi ha compiuto questi atti di vandalismo e teppismo. Da padre, rivolgo un appello anche ai genitori di molti di questi ragazzi perché la responsabilità è anche nostra.  Vandalismo verso il bene pubblico, atti di teppismo e vilipendio alle forze dell’ordine riceveranno tolleranza zero».

Massimo Seri
Massimo Seri

Stessa reazione di condanna da parte dell’assessore Sara Cucchiarini:«I fatti di Sant’Orso sono gravi, in previsione di una situazione del genere che si ripete ormai da anni, con il Comando di Polizia Locale abbiamo definito un potenziamento dei turni fino alle 2 di notte e un lavoro preventivo nei giorni precedenti di verifica sulla vendita di materiale pirotecnico negli esercizi commerciali, effettuando sequestri e sanzioni penali.

Sara Cucchiarini
Sara Cucchiarini

Un ‘teatro di guerriglia urbana’ per il quale esprimo solidarietà al Corpo di P.L. e agli altri Agenti presenti ma soprattutto a tutti quei cittadini che si sono sentiti prigionieri di questi ragazzi nelle proprie case. I fatti accaduti ieri sono problemi di ordine pubblico e di disagio sociale giovanile, si deve intervenire con progetti seri di recupero e con sanzioni penali. Come Assessorato alla Polizia Locale chiederemo aiuto, anche attraverso un tavolo mirato di concerto con le Forze dell’Ordine, in quanto l’ordine pubblico è di specifica competenza di queste ultime. Dovrà però esserci anche un’operazione sociale di recupero di questi “vandali” , per cui ho già da tempo richiesto l’intervento degli operatori.

Abbiamo già identificato alcuni ragazzi ed elevato diverse sanzioni, sono tutt’ora in queste ore in corso le indagini identificative utilizzando testimonianze e immagini delle nostre telecamere di sorveglianza: chiedo a tutti quei cittadini che posseggono materiale foto e video dell’accaduto di collaborare con il Comando del Comune di Fano e farceli avere così da aiutarci nelle operazioni».