Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Fano, rischio di esondazioni del fiume Metauro: la Regione stanzia 900 mila euro

La Regione Marche, in collaborazione con il Comune fanese, ha deciso di intervenire per mitigare il rischio di esondazioni lungo l'asta terminale del tratto fluviale

Fiume Metauro (fonte wikipedia)
Fiume Metauro (fonte wikipedia)

FANO – La Regione Marche, in collaborazione con il Comune di Fano, ha deciso di stanziare quasi 900 mila euro per mitigare il rischio di esondazioni lungo l’asta terminale del fiume Metauro. Nel dettaglio l’intervento è stato finanziato per 896 mila euro dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare che lo ha inserito nel Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico, il ripristino e la tutela della risorsa ambientale approvato con DPCM 20/02/2019.

«Desidero rimarcare la volontà di collaborare con il territorio e, in questo caso, con l’amministrazione comunale di Fano – ha dichiarato l’assessore Aguzzi -. L’intervento sul fiume Metauro prevede la pulizia degli alvei, una migliore definizione della vegetazione presente, la sistemazione degli argini. La Regione è ad uno stadio avanzato della progettazione e il progetto definitivo sarà pronto per maggio 2021».

Lavori per mitigare il rischio di esondazioni lungo l'asta terminale del fiume Metauro
Lavori per mitigare il rischio di esondazioni lungo l’asta terminale del fiume Metauro

Per la redazione del progetto definitivo dell’intervento, è stato eseguito nel periodo compreso tra maggio-giugno 2020, un rilievo topografico aerofotogrammetrico di un tratto fluviale anche più esteso rispetto a quello strettamente aderente all’intervento, opportunamente integrato con rilievi topografici a terra finalizzato all’aggiornamento della morfologia fluviale, delle opere idrauliche esistenti, delle arginature, degli attraversamenti, della vegetazione presente.

Per quanto riguarda gli argini, il progetto prevede quindi il rialzo di tratti arginali sino al contenimento delle piene con un limite di sicurezza stimato in 50 cm, per consentire di ridurre il rischio idraulico per i territori. Saranno inoltre effettuati interventi appositi di manutenzione con sostituzione dei tratti di rete anti-roditori danneggiati e la ricopertura delle stesse con spessori di circa 20-30 cm di terreno, oltre a provvedere ad altre eventuali problematiche puntuali.

«Accogliamo positivamente che la Regione Marche negli ultimi tre anni sia intervenuta periodicamente sul Fiume Metauro – ha affermato l’assessore Brunori – per la mitigazione del rischio idraulico e nella manutenzione. Da questo nuovo progetto, il cui investimento economico è significativo, ci aspettiamo un lavoro efficace che, partendo da uno studio approfondito, individui azioni rilevanti con l’obiettivo di mettere in sicurezza il tratto interessato. Non solo la Città, ma soprattutto la Vallata si aspettano il medesimo impegno e la medesima attenzione per altri tratti del Metauro che necessitano di una progettualità di intervento».

Fondi stanziati per mitigare il rischio di esondazioni del fiume Metauro
Fondi stanziati per mitigare il rischio di esondazioni del fiume Metauro