Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Fano, il Vescovo Trasarti racconta la sua quarantena

Vista la quarantena il Monsignore ha confermato la sua assenza alla celebrazione delle ceneri che dà inizio alla Quaresima. Positivo anche il segretario generale don Luca Santini

Mons. Armando Trasarti
Mons. Armando Trasarti

FANO – «Guardare il mondo dalla finestra, in isolamento, nel rispetto delle regole, è sicuramente una situazione strana». A riferirlo il vescovo di Fano Armando Trasarti, che, da quando è stato riscontrato positivo al Coronavirus, trascorre la sua quarantena nel suo studio dell’Episcopio.

Il religioso, in video intervista, ha voluto tranquillizzare i fedeli in merito alle sue condizioni: «Sto benino, ho ancora un po’ di tosse e avverto tanta stanchezza, ma non ho più febbre e respiro abbastanza bene, il che mi lascia ben sperare per una rapida soluzione della malattia».

Oltre al vescovo, anche il segretario generale don Luca Santini, è risultato positivo al Covid-19: si trova in quarantena a Fratterosa ma anche le sue condizioni sarebbero in via di miglioramento. I tamponi sono stati effettuati anche a tutti i sacerdoti ospiti della casa del clero di via Montevecchio in quanto nei giorni scorsi erano entrati in contatto con il vescovo Trasarti; nessuno di loro è risultato positivo ma si trovano comunque in quarantena preventiva in quanto il virus potrebbe manifestarsi nei prossimi giorni.

«Ciò che mi manca di più – ha aggiunto – è il non poter celebrare l’Eucarestia in mezzo alla gente. Tento di immaginare il popolo, ma un conto è figurarselo e un conto è vederlo: psicologicamente e teologicamente è tutto diverso. La messa senza fedeli costituisce un’eccezione nella vita quotidiana che di solito si verifica solo in tempo di guerra. E’ una sensazione molto strana».

Vista la quarantena il Vescovo ha anche già confermato la sua assenza alla celebrazione delle ceneri che dà inizio alla Quaresima. Lo sostituirà il vicario episcopale don Marco Presciutti.