Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

A Fano consiglio comunale interamente dedicato alla violenza sulle donne

La maglia nera a livello regionale spetta purtroppo proprio alla provincia di Pesaro: ben 105 gli episodi dal 1° gennaio 2020 ad oggi registrati dal Centro antiviolenza

FANO – Una seduta monotematica del consiglio comunale interamente dedicata al fenomeno della violenza sulle donne. È quanto successo il 25 novembre, giornata dedicata proprio a ricordare questa piaga sociale. Un fenomeno che purtroppo continua ad essere persistente e risulta aggravato dalla pandemia e dalle conseguenze delle regole restrittive che obbligano convivenze spesso deleterie e pericolose, dove le vittime devono stare gomito a gomito con i loro persecutori.

Un’emergenza sociale che naturalmente tocca anche Fano, come si evince dai dati presentati durante la sessione Casa Emergenza: ben 50 le donne che, insieme ai loro 48 bambini, hanno dovuto rivolgersi all’apposito centro negli ultimi mesi. I dati descrivono anche quale sia l’identikit delle donne più vessate, facendo emergere un quadro ben distante dagli stereotipi che vogliono che la violenza sulle donne sia una prerogativa di contesti sociali difficili; le donne vittime di violenza per il il 70% sono italiane, piuttosto istruite, la maggioranza infatti è in possesso di licenza superiore o di una laurea. Nella maggioranza dei casi la violenza in genere viene praticata da persone molto vicine alla vittima: mariti, fidanzati o ex compagni.

Durante la seduta, oltre ad illustrare l’operato del Centro antiviolenza di Pesaro, l’assessore alle pari opportunità Sara Cucchiarini ha posto l’accento sui vari tipi di violenza emersi dal territorio: oltre alla violenza (fisica, verbale e psicologica), tra i reati in forte crescita ci sono lo stalking, il mobbing e il revenge porn. Quest’ultima pratica, salita alla ribalta delle cronache nazionali dopo degli episodi recenti come quelli che hanno coinvolto una insegnate piemontese, consiste nella diffusione di immagini e video a contenuto sessuale della partner senza il suo consenso.

In generale, la maglia nera a livello regionale per i casi di violenza sulle donne spetta purtroppo proprio alla provincia di Pesaro: ben 105 gli episodi dal 1° gennaio 2020 ad oggi registrati dal Centro antiviolenza pesarese.