Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Anche a Fano l’11 giugno è possibile effettuare in piazza lo screening gratuito per l’aterosclerosi

Dalle 9 alle 15 a Palazzo San Michele ospiterà l’evento “Carotidi in Piazza” con il patrocinio dell’ASUR e dall’Azienda Ospedaliera Marche Nord

Frausini e Seri
Frausini e Seri

FANO – Prevenzione e cura. Sono queste le parole chiave della salute. Lo sanno bene quelli di “Carotidi in Piazza”, l’iniziativa regionale nata per prevenire l’aterosclerosi, malattia che determina complicanze cardio e cerebrovascolari che rappresentano ancora oggi la prima causa di morte nel mondo occidentale. In tutte le Marche la giornata dell’11 giugno sarà dedicata alla prevenzione ed alla diagnosi precoce dell’Aterosclerosi e delle sue complicanze.

Dalle 9 alle 15 a Palazzo San Michele ospiterà l’evento “Carotidi in Piazza” con il patrocinio dell’ASUR e dall’Azienda Ospedaliera Marche Nord. Dalle ore 9 sarà possibile effettuare uno screening per immagine delle carotidi e dei vasi che irrorano il cervello.

«Siamo felici – spiega il sindaco Seri – di avere aderito a questa iniziativa promossa dal dottor Frausini. Il dottor Frausini durante il periodo della pandemia è stato uno di quelle professionalità che ci hanno messo l’anima. E in quella situazione drammatica serviva un grande cuore. Puntiamo a fare in modo che siano in tanti i cittadini a sottoporsi a questo screening».

«La diagnosi precoce ed un adeguato trattamento di questo processo – chiosa il dottor Gabriele Frausini, direttore di Medicina Interna a Marche Nord – rappresentano la pietra angolare della prevenzione di gravi patologie come l’ictus cerebrale e l’infarto miocardico, specie in categorie di pazienti già predisposti a questi effetti negativi a causa di patologie preesistenti, come il Diabete Mellito e l’Ipertensione arteriosa. Dalle 9 alle 15 I cittadini potranno sottoporsi gratuitamente ad un eco-colordoppler delle arterie carotidi, un esame che fornisce informazioni fondamentali. Al termine della valutazione verrà rilasciato un referto clinico e le eventuali indicazioni».