Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Fabriano si prepara per tempo

Il sindaco, Giancarlo Sagramola, ha aperto da oggi, 14 gennaio, il centro operativo comunale. L’intera città è stata suddivisa per zone con i mezzi pronti ad intervenire

Il piano neve comunale: il territorio suddiviso in zone

FABRIANO – Questa volta l’Amministrazione comunale non vuole farsi trovare impreparata. Da questa mattina, 14 gennaio, visti gli avvisi della protezione civile che annunciano nevicate abbandanti nei prossimi giorni, si è riunito il comitato operativo comunale (COC) per verificare la pianificazione predisposta in caso di emergenza neve e/o ghiaccio.

Ad annunciarlo, attraverso la sua pagina politica di Facebook, è il sindaco, Giancarlo Sagramola. «È stata definita l’operatività dei tre mezzi a disposizione per l’ emergenza ghiaccio, suddivisi sul territorio (frazioni comprese) in tre aree di intervento. I mezzi saranno operativi per 12 ore continuative dal manifestarsi degli eventi meteorici avversi, eventi previsti per la serata di domenica 15 come da comunicazione della sala meteo della protezione Civile. I dipendenti comunali sono in allerta da oggi e, dopo le prime dodici ore, saranno operativi secondo una turnazione già prestabilita», scrive il primo cittadino.

Sarà data priorità ai tratti in pendenza e/o a maggior rischio ed alla viabilità principale.
Per lo sgombero neve verso servizi pubblici (Ospedale, commissariato, Caserma carabinieri, Comune, scuole, ecc.) è stato attivato il gruppo comunale di Protezione civile che con i volontari, cui sono state assegnate due turbine da neve manovrate manualmente, si attiveranno al verificarsi delle condizioni avverse. Sono in preallarme tutti i mezzi privati con lame per sgombero neve che si attiveranno alla necessità. Complessivamente, dunque, come previsto nel Piano neve comunale, alla fine saranno circa 23 i mezzi pronti a entrare in azione.

«In collaborazione con le Forze dell’ordine sono stati predisposti controlli, in particolare sui mezzi pesanti, per verificare il rispetto della norme del codice della strada per il periodo invernale. Tramite i numeri di emergenza o il centralino dei Vigili urbani – conclude Sagramola – si risponderà a particolari condizioni di emergenza e/o pericolo non previste».