Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Fabriano, incontro interlocutorio fra Elica e parti sociali

Attorno al tavolo si sono ritrovati i rappresentanti dei sindacati di categoria provinciali e locali e il management della multinazionale fabrianese leader nel settore delle cappe aspiranti

Sede uffici di Elica a Fabriano
La sede degli uffici di Elica a Fabriano

FABRIANO – Primo incontro fra sindacati di categoria ed Elica di Fabriano in Confindustria Ancona. Una riunione interlocutoria che si è protratta per alcune ore, dopo essere iniziata intorno alle 15 di oggi, 21 gennaio. Attorno al tavolo si sono ritrovati i rappresentanti dei sindacati di categoria provinciali e locali, e il management della multinazionale fabrianese leader nel settore delle cappe aspiranti.

Dopo alcune ore, si è deciso di riaggiornare la riunione, al termine della quale, sono poche le indiscrezioni filtrate sia da parte dell’azienda che delle parti sociali. Probabile che queste ultime possano optare per una comunicazione ufficiale nella giornata di domani. Da quello che si apprende, però, pare che entrambe le parti abbiano illustrato le proprie posizioni di partenza in vista di un summit successivo per entrare nello specifico delle tematiche.

I sindacati hanno ribadito di aspettarsi un 2021 migliore del 2020, come del resto è stato il medesimo auspicio auspicato dal presidente di Elica, Francesco Casoli, in occasione dello scambio di auguri con i dipendenti poco prima del Natale scorso. I rappresentanti delle parti sociali, inoltre, avrebbero chiesto garanzie sugli assetti produttivi e occupazionali degli stabilimenti presenti nelle Marche. Alla luce anche della piena saturazione degli stabilimenti delle cappe, dopo oltre un decennio di utilizzo di ammortizzatori sociali e di riorganizzazioni, registrato nel corso dello scorso anno e, quindi, nonostante la crisi sanitaria dovuta alla pandemia da Coronavirus.

Nel corso del 2020, in Elica si è proceduto anche alla riorganizzazione della Corporate e si è aperta una fase per incentivare i dipendenti a lasciare volontariamente il proprio posto di lavoro. Quindi, è tempo di pensare a un futuro prossimo, ma anche di prospettiva e per questo non è da escludere che possa esserci un aggiornamento del piano strategico aziendale. E proprio dalla multinazionale si sarebbero rassicurati i rappresentanti sindacali che l’anno in corso potrebbe ricalcare il precedente. Ma, per le tematiche specifiche, occorrerà attendere un prossimo faccia a faccia che dovrebbe essere convocato entro poco tempo.