Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Direzione futuro, l’incontro formativo promosso dalla Confartigianato Fabriano

L’artigianato si confronta sulle nuove opportunità per innovare e digitalizzare l’impresa oggi 10 ottobre alle 18:15 in un incontro organizzato dalla Confartigianato in collaborazione con la Camera di Commercio di Ancona nella sala convegni dell’Hotel Gentile

Andrea Dini e Marco Pierpaoli

FABRIANO – “Direzione futuro. Opportunità e contributi per le imprese che innovano”, questo il topic dell’incontro formativo promosso dalla sezione di Fabriano della Confartigianato che sarà promosso oggi, mercoledì 10 ottobre, dagli esperti dell’associazione di categoria.

L’artigianato si confronta sulle nuove opportunità per innovare e digitalizzare l’impresa oggi 10 ottobre a Fabriano alle 18:15 in un incontro organizzato dalla Confartigianato in collaborazione con la Camera di Commercio di Ancona che si terrà presso la sala convegni dell’Hotel Gentile da Fabriano in via Di Vittorio 13.

Interverranno Andrea Dini Presidente Regionale Categoria ICT della Confartigianato su: “Le opportunità per l’impresa artigiana che innova e si digitalizza”; il prof. Luca Marinelli del Dipartimento Management dell’Università Politecnica delle Marche su: “Come cambiano le micro e piccole imprese grazie alle tecnologie 4.0, verso un ecosistema digitale”.

A seguito di queste relazioni, sono previste: la testimonianza di implementazioni e di progetti in atto, il dibattito e inoltre informazioni su contributi e finanziamenti all’innovazione con l’intervento del coordinatore territoriale di Confartigianato Fabriano, Federico Castagna.

«L’artigianato e le piccole imprese sono impegnati nell’innovazione e contribuiscono a mantenere elevata la qualità del made in Italy con una costante attività di miglioramento dei prodotti e dei processi produttivi. La rivoluzione tecnologica esalta il saper fare artigiano, che rimane il solo capace di infondere negli oggetti quello stile e quella cura dei dettagli che gli è peculiare e che rendono ogni prodotto un pezzo unico. Anche grazie alle nuove tecnologie, le piccole imprese con ‘valore artigiano’ potranno continuare ad essere le protagoniste indiscusse del successo del made in Italy nel mondo», spiegano dall’associazione di categoria.