Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Verso le elezioni, il progetto di Lucarelli: «Insieme per costruire la Camerino di domani»

Il candidato del centrodestra ha presentato la squadra che lo sosterrà al voto del 12 giugno. «Non cederemo alle provocazioni»

CAMERINO – «Tutti i nomi delle donne e degli uomini del nostro gruppo sono stati condivisi insieme agli amici di sempre e ai candidati che via via andavano a comporre la lista. Siamo molto orgogliosi del lavoro fatto e siamo certi che la proposta che andiamo a sottoporre agli elettori potrà essere apprezzata e condivisa. Questa, infatti, è una lista che nasce dall’amore e dal comune senso di appartenenza per Camerino e dalla certezza che questa città ha un grande futuro davanti che possiamo e dobbiamo costruire insieme, e non una lista che nasce nel segno della contrarietà a qualcosa o qualcuno». Il candidato sindaco Roberto Lucarelli ha presentato così la squadra che lo affiancherà nella corsa alle elezioni del prossimo 12 giugno, quando si troveranno di fronte il gruppo guidato dall’ex sindaco Sandro Sborgia.

Lucarelli ha spiegato di aver voluto aspettare il termine della “Corsa alla spada” e dei festeggiamenti del patrono per presentare la lista “Camerino insieme” perché «le elezioni, anche se non dovrebbe essere così, rappresentano un momento divisivo nella vita di una comunità. C’è sembrato opportuno, quindi, lasciare passare questa settimana in cui, invece, Camerino è stata più unita che mai, dimostrando di saper essere una comunità che attraverso le sue tradizioni vuole rilanciarsi ancora una volta verso il futuro».

Lucarelli ha incalzato sul fatto che «in campagna elettorale, non cederemo a provocazioni e non accetteremo toni che non ci appartengono, così come non ci appartengono falsità, cultura del sospetto e acrimonia». Il riferimento chiaro, è alla fine dell’amministrazione Sborgia, con Lucarelli che ha ricostruito quanto accaduto a gennaio quando è stato sfiduciato il sindaco. «Un atto legittimo di sette consiglieri che hanno fatto ciò che qualunque buon amministratore avrebbe dovuto fare, applicando uno strumento che gli è consentito dalla democrazia: interrompere una esperienza disastrosa e dannosa. Lo abbiamo fatto – ha aggiunto – nel momento migliore per andare ad elezioni nel più breve tempo possibile, scongiurando altrimenti un lungo commissariamento, anche se oggi posso dire con assoluta convinzione che il lavoro portato avanti in questi mesi dal commissario è stato straordinario, ha restituito trasparenza ai cittadini e ha permesso anche di recuperare tempo che, invece, sembrava perduto a causa dell’immobilismo e della litigiosità della precedente amministrazione».

Lucarelli ha poi presentato tutti i candidati, che hanno tenuto i loro interventi. Prima, però, ha voluto ricordare la figura dell’ex sindaco Gaeta, scomparso proprio nella mattinata di ieri. «Il nostro programma – ha poi aggiunto Lucarelli – sarà illustrato in una serie di incontri che terremo nei vari quartieri e nelle frazioni e è fondato, sostanzialmente, su poche parole chiave: concretezza, prima di tutto, pragmatismo, programmazione, condivisione e massima trasparenza. Oltre, ovviamente, alla collaborazione con il territorio e le istituzioni, per uscire da quell’isolamento che ha caratterizzato gli ultimi anni della vita politica camerte causa di una amministrazione che ha sempre rifiutato il dialogo. Siamo certi che solo Insieme si possano davvero liberare opportunità per costruire il futuro ed è per questo che oggi “Camerino Insieme” è qui, con due anni d’anticipo rispetto al previsto, per ricominciare a lavorare per l’unico vero obiettivo che conta: la ricostruzione e la rigenerazione di Camerino».