Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Il doppio dei clienti consentiti: esercizio commerciale di Jesi fatto chiudere dalla Polizia

A carico del titolare anche sanzioni amministrative e l'avvio della procedura per la reiterazione dell'inosservanza

Le pattuglie della polizia di Stato

JESI – Il doppio dei clienti consentiti per quell’esercizio commerciale, nonostante all’ingresso vi fosse un cartello ben visibile con riportato il numero massimo di persone cui era permesso l’ingresso per poter essere in sicurezza. E non era la prima volta che accadeva. Al controllo degli agenti del Commissariato di Jesi, diretti dal dottor Mario Sica, uno dei tanti accertamenti disposti per verificare il rispetto delle normative anti-covid e dei Dpcm, gli agenti hanno trovato l’esercizio commerciale sovraffollato. Con un numero eccessivo di clienti all’interno tanto da non permettere il necessario distanziamento tra le persone. Vi era esattamente il doppio della clientela stabilita nel cartello affisso all’ingresso.

Una inosservanza grave, e non era la prima volta che accadeva, che comporterà la chiusura dell’attività. Infatti nei confronti del titolare dell’esercizio commerciale sono scattati i provvedimenti per l’inosservanza delle misure vigenti in materia di contrasto al diffondersi del covid-19.

Nello specifico, oltre all’applicazione di sanzioni amministrative, è stata disposta anche la chiusura temporanea dell’attività commerciale. La condotta del sovraffollamento all’interno del negozio che era già stata contestata nei mesi scorsi, comporterà anche l’avvio della procedura finalizzata all’applicazione delle misure previste in caso di reiterazione.