Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Donare come tratto identitario

Dal primo febbraio, direttamente al momento del rilascio della carta di identità, l’operatore sottoporrà un quesito al cittadino che potrà esprimere la volontà a donare

Donazione di organi (Foto: Ministero dell'Interno)

FALCONARA – Da febbraio sarà possibile aderire alla donazione di organi e tessuti al momento del rilascio della carta d’identitàLa novità è stata presentata questa mattina dal Sindaco Goffredo Brandoni e dal responsabile dei Servizi Demografici Almerino Brunori nel corso di una breve conferenza stampa allestita all’ufficio anagrafe di via Roma.  

Il Comune ha aderito all’applicazione del decreto legge n. 184 del dicembre 2009, con il quale gli uffici demografici vengono indicati come luoghi in cui si può aderire alla donazione di organi e tessuti al momento del rilascio della carta d’identità.

Il sindaco Goffredo Brandoni e il responsabile dei Servizi Demografici Almerino Brunori (Foto: Comune di Falconara)

«Tuttavia gli uffici dell’Anagrafe cittadina – ha spiegato il Sindaco Goffredo Brandoni – non erano adeguati al rispetto della privacy e nonostante fossimo già pronti a partire alla fine dello scorso anno si è attesa l’ultimazione dei lavori che consentono ad oggi la tutela della privacy degli utenti. Pertanto dal primo febbraio il nostro Comune potrà adeguarsi al dettame normativo. In pratica al momento del rilascio della carta di identità, l’operatore sottoporrà un semplice quesito al cittadino che potrà esprimere la volontà a donare. Il cittadino, maggiorenne, ha tre possibilità: può aderire, può non aderire, oppure può scegliere di non rispondere. Nei primi due casi la volontà verrà trasmessa al Centro Trapianti Nazionale».

Qualora un cittadino abbia interesse ad inserirsi nel Sistema Nazionale Trapianti, al di fuori del rilascio della carta d’identità, deve presentarsi presso gli uffici Asl per esprimere l’adesione.