Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Dolci a San Valentino… purché unconventional!

No ai cuori glassati; sì ai sapori inaspettati, parola di Paolo Brunelli. Quest'anno ci si innamora con dolci e dessert all'insegna delle forme contemporanee e geometriche

Stanchi dei soliti dolci a forma di cuore? Allora questo è il San Valentino che fa per voi! Quest’anno gli innamorati più trendy in pasticceria dovranno puntare sul gusto, sulla farcitura e, perché no, sulle forme poco convenzionali, piuttosto che sul classico e palpitante cuore rosso glassato.

La torta “a cuore” di Yolanda Gampp

La tendenza è quella di ironizzare e decontestualizzare questo evento. Ad esempio, la cake maker Yolanda Gampp spiega sul suo blog come realizzare una torta per il 14 febbraio a forma di cuore umano, anatomicamente impeccabile, con tanto di vene e ventricoli, mentre il marchio milanese di panettoni Vergani ha pensato di creare per questa occasione il “Soloperdue”: 500 grammi del tipico dolce natalizio con gocce di cioccolato fondente, fragole semicandite, zenzero e un pizzico di peperoncino, avvolto in un raffinatissimo cofanetto rosso.

Paolo Brunelli

Nelle Marche, Paolo Brunelli, della gelateria e cioccolateria Brunelli di Senigallia e Agugliano (tre coni Gambero Rosso e miglior gelato al cioccolato d’Italia), ha pensato di inserire lo spirito del San Valentino all’interno delle sue creazioni: «Per questa festa abbiamo realizzato due tipi di cioccolatini – spiega Brunelli – uno dedicato a lui e uno a lei. Siamo partiti dall’individuare i gusti più vicini alle donne e quelli più indicati per gli uomini, così è nata questa idea. Per l’uomo abbiamo pensato a un cioccolato fondente classico che dà sicurezza, mentre, per la donna, abbiamo creato un gusto più acidulo, misterioso e stridulo, grazie al passion fruit che dona questo particolare aroma al cioccolato. Inoltre, abbiamo realizzato un semifreddo con la glassa rossa che richiama l’idea del fuoco, della passione, con all’interno un inserto di gelato al caramello salato, e un semifreddo con scorsa d’arancio, in linea con la frutta di stagione».

Le forme? Guai a parlare di cuori! «Li facevo qualche anno fa – prosegue Brunelli – mi sono un po’ stancato, ora ci concentriamo più su geometrie arrotondate e meno convenzionali».

Per quanto riguarda il gelato, Brunelli punta sempre su ingredienti di altissima qualità: «In gelateria rimaniamo fedeli ai nostri successi di sempre, anche a San Valentino, mentre, nei prossimi mesi, i clienti potranno gustare quello che spero diventerà il nuovo sapore di tendenza, il gusto “Senza Liquirizia”: un cioccolato bianco con un forte sentore di liquirizia, dove in realtà questo ingrediente è completamente assente. Per creare il sapore utilizziamo uno zucchero integrale di canna molto particolare chiamato “muscovado” che ha i sentori di questa pianta antichissima e che donerà un aroma particolare al gelato».

Fra idee innovative e forme non convenzionali, il segreto sembra essere quello di uscire dagli schemi tradizionali e di giocare con il senso della tipica festa degli innamorati… anche in pasticceria.

Per chi, invece, non fosse amante del rischio e delle sperimentazioni c’è sempre la rassicurante Torta Sacher da gustare, magari, a lume di candela di fronte al caminetto con musica romantica in sottofondo.