Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Sparatoria di Macerata, fermato il presunto responsabile

È Luca Traini, 28 enne incensurato originario di Tolentino, il giovane fermato dai Carabinieri ai quali ha ammesso le proprie responsabilità e non ha opposto resistenza. Traini con indosso una bandiera tricolore avrebbe salito i graditi del Monumento di Macerata, rivolgendo dall’alto il saluto fascista

carabinieri
carabinieri

MACERATA- È Luca Traini, 28 enne incensurato originario di Tolentino, l’uomo che nella mattina di oggi intorno alle 11 ha seminato il panico a Macerata. L’eco dei colpi di pistola bloccava tutta la città, centro paralizzato per ore mentre l’auto dell’uomo sfrecciava e dai finestrini partivano colpi di pistola contro dei cittadini stranieri (Leggi l’articolo). Ne ha feriti sei, tutti neri, dei quali alcuni versano in serie condizioni fisiche ma non in pericolo di vita.

Luca Traini
Luca Traini

È stato fermato dai Carabinieri ai quali ha ammesso le proprie responsabilità e non ha opposto resistenza. Traini con indosso una bandiera tricolore avrebbe salito i graditi del Monumento di Macerata, rivolgendo dall’alto il saluto fascista. Era stato candidato alle elezioni amministrative di Corridonia nel 2017 nelle file della Lega Nord.

Intanto su Facebook era apparso nel pomeriggio un gruppo inneggiante a “Luca Traini Presidente”, gruppo che è stato prontamente chiuso. Nel pomeriggio erano circolate voci di un presunto collegamento con l’omicidio di Pamela Mastrogiacomo, la ragazza romana residente a Corridonia fatta a pezzi e chiusa in una valigia.

In realtà gli inquirenti non avrebbero confermato alcun collegamento tra i due fatti e anzi sembrerebbe sia stato smentito dalla famiglia della ragazza uccisa. In ogni caso il delitto di Corridonia potrebbe aver fatto da cassa di risonanza alimentando forse le discussioni che sono poi circolate nel pomeriggio su Facebook e che hanno definito in alcuni post Traini come la “voce del popolo nobile”.

Due episodi non collegati direttamente tra loro, ma che hanno portato le Marche alla ribalta nazionale per la violenza che li ha caratterizzati.